Sei in Gweb+

Coronavirus

Ghiaia, slitta ancora la riapertura del mercato

26 maggio 2020, 05:06

Ghiaia, slitta ancora la riapertura del mercato

GIAN LUCA ZURLINI

Si allungano ancora i tempi del ritorno delle bancarelle degli ambulanti in Piazza Ghiaia. Infatti neppure domani il mercato si terrà nei nuovi spazi decisi dal Comune per ovviare ai problemi e agli obblighi imposti dall'epidemia di coronavirus. È però probabile che il mercato possa slittare addirittura alla settimana prossima e quindi la prima edizione della nuova versione probabilmente si vedrà soltanto nel mese di giugno.

POSTEGGI DA ORGANIZZARE

Di fatto, così, saranno passate più di due settimane dal momento in cui è stato dato di nuovo il via libera all'organizzazione dei mercati degli ambulanti dopo la lunga sospensione di un paio di mesi per l'emergenza-Covid. Nel frattempo, già da metà della settimana scorsa sono invece ripresi regolarmente tutti i mercati di quartiere, dove non c'è stata alcuna necessità di cambiamenti di postazioni e sono stati sufficienti alcuni aggiustamenti legati ai controlli agli ingressi e al distanziamento fra le bancarelle. Per quanto riguarda la Ghiaia, invece, il ritardo è legato alla necessità di riassegnare le postazioni dei cosiddetti posteggi degli ambulanti. Una procedura complessa, in quanto coinvolge oltre la metà dei commercianti che partecipano al mercato bisettimanale della Ghiaia e che contempla anche l'obbligo di ottenere l'accettazione del titolare del posteggio per quanto riguarda la nuova collocazione. Tutto da organizzare sarà poi anche il sistema degli accessi, in quanto gli spazi dove trovano posto le bancarelle devono essere transennati o comunque delimitati per avere la garanzia che i clienti accedano da un unico ingresso ed escano da un'uscita che deve essere diversa rispetto all'entrata. Il ritardo nella scelta della nuova collocazione ha determinato a cascata lo slittamento della data di ripresa del mercato che a questo punto potrebbe forse essere sabato 30 maggio, ma più probabilmente sarà il 3 di giugno, casualmente proprio nella giornata che dovrebbe coincidere con la riapertura totale anche del Paese dopo il lockdown.

LA NUOVA SISTEMAZIONE

In ogni caso la nuova collocazione delle bancarelle è già stata decisa trovando l'accordo anche delle associazioni di categoria e degli stessi ambulanti. Rispetto alla collocazione tradizionale, saranno tolte le bancarelle che si trovavano in via Carducci e piazzale San Bartolomeo e sarà ridotta la presenza di ambulanti nel perimetro della Ghiaia per consentire l'accesso libero ai negozi che si affacciano sulla piazza. Saranno aggiunti alcuni posteggi in via Romagnosi, nella cosiddetta Ghiaia piccola, e infine la più grande novità sarà l'arrivo delle bancarelle attorno al monumento a Verdi, con l'occupazione di tutto lo spazio disponibile lastricato di nuovo dopo la recente ristrutturazione di piazza della Pace. Le bancarelle partiranno così dal limite del piazzale della Pilotta (vincolato dalla Soprintendenza e quindi non utilizzabile in tempi brevi per il mercato) e arriveranno da una parte fino all'ex parcheggio di via Bodoni e dall'altra fino all'accesso su via Garibaldi che si trova a fianco della sede della caserma dei Carabinieri della sezione Parma centro. Ma per vederlo nella nuova veste si dovrà aspettare ancora un po' di tempo.