Sei in Gweb+

Saveriani

Congregazione in lutto per la scomparsa di padre Doneda

28 maggio 2020, 05:01

Congregazione in lutto per la scomparsa di padre Doneda

LUCA MOLINARI

Ennesimo lutto tra i Missionari Saveriani della casa madre di viale San Martino. Se ne è andato padre Giacomo Doneda, 85 anni, originario di Bergamo.

Si tratta del diciannovesimo religioso scomparso dall’inizio dell’emergenza Coronavirus (padre Doneda era ricoverato al Maggiore dopo aver contratto il Covid-19, ma soffriva di numerose patologie pregresse), il ventunesimo se si contano tutti i lutti dei Saveriani a livello italiano.

Molto conosciuto a Parma (dove viveva dal 1993), padre Doneda era stato in missione in Spagna, Giappone, Messico e Brasile prima di fare ritorno nella casa madre per cure.

Era entrato in Istituto nel 1945 a Pedrengo (Bergamo), dove aveva completato la scuola elementare e frequentato i primi due anni delle medie. Passato a Zelarino (Ve), aveva completato le medie e il ginnasio. Entrato in noviziato nel 1951, padre Doneda aveva emesso la prima professione il 12 settembre 1952 a San Pietro in Vincoli. Trasferito quindi a Desio per il liceo, dopo un anno di servizio alla scuola apostolica di Udine come prefetto, era stato inviato a Piacenza per lo studio della teologia, terminato a Parma (1958-1960). Aveva emesso la professione perpetua (ossia era entrato in maniera definitiva tra i Saveriani) a Parma il 3 novembre 1957, per poi essere ordinato prete il 25 ottobre 1959 sempre nella nostra città.

Il suo primo servizio è stato in Italia, come economo nella casa di Desio (1960-1963) e in quella di Tavernerio (1963-1964). Destinato alla Spagna nel 1964 vi era rimasto fino al 1966, lavorando prima ad Araya de Alava come rettore ed economo e poi a Guernica come economo.

Partito in missione per il Giappone nel 1967 vi era rimasto fino al 1973, prima a Kobe come economo regionale e poi a Tanegashima-Kagoshima come parroco. Dal 1973 al 1974 aveva invece lavorato in missione a San Juan del Río, in Messico, per poi tornare in Italia, offrendo il suo servizio a Genova-Pegli (1974-1975) e poi a Macomer (1975-1977).

Nel 1978 era quindi partito per il Brasile dove si era speso in varie comunità: a Laranjeiras do Sul come vice rettore (1979-1980), a Lupianopolis come parroco (febbraio- agosto 1980), a Piracicaba (1981-1982) come animatore missionario, e a Londrina (1982-1983) come aiuto economo.

A marzo del 1983 era rientrato in Italia per cure, risiedendo ad Alzano (1984-1985) e successivamente a Parma (1985-1986). Dal 1986 al 1992 aveva svolto il suo ministero nella comunità di Tavernerio. Da luglio del 1993 risiedeva nella casa madre, dove si curava e svolgeva il suo ministero, trascorrendo alcuni periodi in famiglia.

In città era molto conosciuto perché nel corso degli anni aveva prestato il suo servizio in varie chiese e parrocchie, celebrando le messe domenicali e confessando. I suoi funerali si sono svolti ieri pomeriggio nel santuario Conforti della casa madre.

 

LUCA MOLINARI Ennesimo lutto tra i Missionari Saveriani della casa madre di viale San Martino. Se ne è andato padre Giacomo Doneda, 85 anni, originario di Bergamo. Si tratta del diciannovesimo religioso scomparso dall’inizio dell’emergenza...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal