Sei in Gweb+

Visite

Prenotazioni telefoniche, tante proteste

29 maggio 2020, 05:07

Prenotazioni telefoniche, tante proteste

ISABELLA SPAGNOLI

Da lunedì scorso il numero verde dell'Ausl 800.629444 è stato potenziato per consentire agli operatori di rispondere ad un quantitativo maggiore di chiamate inoltrate da quei cittadini che devono prenotare visite urgenti: va ricordato che a causa del Covid-19 in tre mesi sono state congelate 330 mila prestazioni.

Purtroppo, ad oggi, ancora tanti, non riescono ad accedere al servizio che ha dovuto gestire un forte incremento di telefonate passando da una media di circa 700 prenotazioni telefoniche al giorno alle 1.200 attuali, con picchi giornalieri di 4 mila chiamate.

A causa di questi volumi ”importanti”, durante l'ultima settimana si sono registrati numerosi problemi tecnici con le prenotazioni telefoniche.

«Devo prenotare una visita urgente ma al numero verde dell'Ausl una voce registrata mi avvisa che: “Per elevata quantità di richieste, i tempi di attesa potrebbero allungarsi. La preghiamo di contattarci più tardi”» ha segnalato un lettore.

Ma quel “tardi” non si sa quando inizia e quando finirà, insiste il lettore, «perché si può continuare a provare ma non si arriva mai ad essere tra i fortunati. Io ritengo che questo sia un disservizio piuttosto marcato: non è giusto che il cittadino che ha bisogno di una visita urgente debba perdere tempo a rincorrere chi non gli risponde».

«Visto che questo è l'unico numero che posso fare per prenotare la mia visita, a che santo devo rivolgermi? – continua -. Non dimentichiamo che ci sono persone che lavorano e che non possono stare attaccate al telefono tutto il giorno».

Il lettore della Gazzetta ha spiegato inoltre di aver contattato il centralino dell'Ausl. «Mi ha risposto un operatore di Fidenza - ha raccontato - che mi ha detto di essere a conoscenza del problema e mi ha consigliato di fare lamentela all'Urp».

Anche un'altra lettrice, Vanna, lamenta da giorni che prova a chiamare insistentemente il numero verde senza successo.

«Mio marito - ha spiegato - deve fare un prelievo di sangue urgente, per poi recarsi, il 24 giugno, al Centro Emostasi dove sarà visitato. Ma se io non riesco a fargli fare quel prelievo è inutile che vada alla visita. Ho provato a chiamare a tutte le ore, ma purtroppo non riesco mai a parlare con qualcuno. Sono disperata».

«Ci scusiamo per i disagi di tanti cittadini che non riescono a trovare libera la linea per prenotare – spiegano alla Direzione delle Aziende sanitarie -. E' importante chiamare il numero verde solo per prestazioni urgenti e nient'altro altrimenti si rischia di bloccare il servizio. Abbiamo potenziato le linee telefoniche e dal primo giugno inizieranno le prenotazioni anche in farmacia: attendiamo entro breve un miglioramento significativo».

Da lunedì, infatti, le visite e gli esami con urgenza entro 10 giorni (classe B della ricetta) e i prelievi per le donne in gravidanza si potranno nuovamente prenotare anche nelle farmacie che effettuano servizio Cup.

Nulla invece cambia per le visite ed esami con priorità entro 72 ore (classe U della ricetta) che si possono prenotare solo con il servizio Cupweb (per chi ha attivato il proprio fascicolo sanitario elettronico) o attraverso il numero verde unico 800.629444.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ISABELLA SPAGNOLI Da lunedì scorso il numero verde dell'Ausl 800.629444 è stato potenziato per consentire agli operatori di rispondere ad un quantitativo maggiore di chiamate inoltrate da quei cittadini che devono prenotare visite urgenti: va...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal