Sei in Gweb+

Fidenza

La minoranza: «Iniziamo la cura a Massari». E arriva un'altra denuncia

31 maggio 2020, 05:06

La minoranza: «Iniziamo la cura a Massari». E arriva un'altra denuncia

«Subito ho pensato a uno scherzo, di cattivo gusto. Poi ho capito che purtroppo era tutto vero: venerdì 29 maggio alle ore 13.21 il consigliere d’opposizione Giuseppe Comerci ha protocollato ufficialmente un’interrogazione attraverso una mail il cui oggetto è così titolato: “Iniziamo la cura Massari". Controllando le proprietà dell’allegato si vede anche il nome dell’autore del file, ma ora questi contributi esterni passano in secondo piano»: il sindaco di Fidenza, Andrea Massari, commenta così quanto accaduto ieri in Municipio, con il tono di chi ha preso molto sul serio la cosa.

«Capiamoci: sono il primo a dire che l’opposizione ha tutto il diritto di dissentire e anche di attaccare duramente l’amministrazione. Ma senza mai uscire dai confini della legalità e della decenza, non parlo neanche più di rispetto. A parti invertite tutti sappiamo il vespaio che si sarebbe scatenato, con relative richieste di dimissioni. Ecco perché dico che qui si sta perdendo il controllo: non è solo una questione di stile, è una questione di minacce e pressioni continue. Che proseguono e che continuo e continuerò a denunciare alle autorità competenti, sostenuto dai fidentini che non tollerano questo tasso di violenza. Venti giorni fa il consigliere Comerci e i suoi colleghi hanno scritto che sarei un falsificatore di bilanci, insieme alla complicità dei tecnici comunali. Ora il consigliere Comerci e chi per lui si premurano di protocollare una interrogazione che, peraltro, tende a gettare ombre pesanti ancora una volta sui dipendenti del Comune. Attraverso una mail con quell’oggetto minaccioso che, lo ripeto, è stato così titolato: “Iniziamo la cura Massari". A chi pensa di farmi la cura dico che non ci fermerete così, muovendovi nell’ombra con suggeritori, manine e consulenti, usando il metodo delle invettive, degli insulti, delle grida scandalizzate per qualsiasi cosa. A proposito: se vi preme davvero sottopormi alla cura, quella più importante, la radioterapia, l’ho già fatta a 27 anni, contro il cancro. Se non vi basta chiedete a chi mi ha augurato su Facebook cicli di chemioterapia con tanto di “mi piace” da un membro dell’opposizione di allora. Gli autori sono stati condannati per diffamazione aggravata poco più di un anno fa».

Massari non nasconde che «questo metodo inquieta, perché si ha sempre l’impressione di girare con un bersaglio addosso. Ma non spaventano nessuno, lo voglio dire chiaro e a testa alta. Perché credo nei fidentini, quelli che non misurano le persone in base alla simpatia per la destra o la sinistra, quelli che non hanno nemici da abbattere e che sono pronti a faticare insieme per far crescere la Comunità, sentendo come una cosa bella il trovarsi in piazza a parlare di questa città straordinaria e delle opportunità che ha davanti». Una città, Fidenza, che non può permettersi «il lusso di perdere tempo, dato che stiamo affrontando la più grave e grande emergenza dai tempi delle bombe del secondo conflitto mondiale e, sì, siamo ancora una volta in guerra contro un nemico potente e stavolta invisibile».

Massari ripercorre le tappe di questi mesi di emergenza, ricorda che «c’è chi si organizza nell’ombra per farmi la cura, mentre noi siamo una squadra che ha lavorato e continua a farlo ogni giorno per proteggere la comunità. Dando tutto il supporto possibile alla macchina della sanità, portando i rifornimenti nelle case di chi non poteva muoversi, promuovendo la conoscenza delle norme e delle misure di sicurezza. Ora di fronte a noi c’è la sfida della ricostruzione, che tocca tutti. Tocca le famiglie cui stiamo assicurando una ripartenza dei servizi. Tocca le imprese, di ogni dimensione e di ogni settore produttivo. Qualcuno – chiosa il sindaco – non se ne deve essere accorto oppure lo ha capito benissimo e allora ha aumentato la dose con metodi che ciascuno può giudicare, probabilmente ispirato da manine imbiancate».

r.c.

 

«Subito ho pensato a uno scherzo, di cattivo gusto. Poi ho capito che purtroppo era tutto vero: venerdì 29 maggio alle ore 13.21 il consigliere d’opposizione Giuseppe Comerci ha protocollato ufficialmente un’interrogazione attraverso una mail il cui...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal