Sei in Gweb+

ANIMALI

Cani aggressivi, 300 morsi in un anno. Il pericolo cresce in primavera e in estate

05 giugno 2020, 05:02

Cani aggressivi, 300 morsi in un anno. Il pericolo cresce in primavera e in estate

A Parma e provincia, nel 2019, sono state contate circa 360 morsicature, poco meno di una al giorno. L'elenco però comprende anche i graffi dei gatti, che sono una sessantina. «Gran parte delle morsicature avviene durante la separazione dei cani coinvolti in una zuffa, e la maggior parte degli episodi avviene in città, per il semplice fatto che ci sono più cani», spiega Cosimo Paladini, direttore del Servizio di sanità animale dell'Ausl.

«Il periodo dell'anno in cui le morsicature avvengono con maggior frequenza è tra la primavera e l'estate», aggiunge. A confermare questo dato ci pensa la disavventura capitata pochi giorni fa a Nicola Cesari, sindaco di Sorbolo Mezzani, morso alla caviglia da un cane lasciato libero in campagna.

Ma come comportarsi quando si ha di fronte un cane sfuggito al controllo dei padroni? «Bisogna subito smettere di correre e fermarsi. L’aggressività dei cani è di solito diretta verso persone o animali in movimento che vengono percepite come prede. Se i gatti evitassero di scappare di fronte a un cane, nella maggior parte dei casi se la caverebbero senza neanche un graffio», scrive il veterinario Giorgio Mezzatesta.

«Bisogna stare in silenzio, non si deve urlare e nemmeno gesticolare come appunto potrebbe fare una preda di fronte a un predatore - prosegue - non si deve fissare negli occhi un cane sconosciuto perché questo comportamento viene interpretato come un gesto di sfida». Mezzatesta rivela una quarta e ultima regola per evitare morsi. «Si deve attendere che il cane se ne vada da solo prima di allontanarsi lentamente da lui. Seguendo questi semplici comportamenti si può evitare che una spensierata ”biciclettata” in campagna si trasformi in una corsa al pronto soccorso».

Stando poi al parere del direttore del servizio di Sanità animale, non esistono razze canine più feroci e pericolose delle altre. «Il più delle volte è un problema gestionale, ma è ovvio che se il morso lo dà un pitbull invece di un chihuahua il danno sarà maggiore. Comunque, nelle aree pubbliche i cani vanno sempre tenuti al guinzaglio». P.Dall.