Sei in Gweb+

SALSO

Colpo a Scipione: i ladri col piccone cercano la cassaforte

17 giugno 2020, 05:07

Colpo a Scipione: i ladri col piccone cercano la cassaforte

Brutta esperienza per il titolare della tortafritteria Cavallo a Scipione Ponte, Marco Dioni, che nella notte tra lunedì e ieri si è trovato faccia a faccia con i ladri all’interno della sua abitazione situata sopra il bar trattoria.

Attorno alle 3,30 i malviventi, dopo essere entrati dal retro della struttura, sono saliti al piano superiore dove il titolare dell’attività stava dormendo.

«Sono stato svegliato di soprassalto da colpi fortissimi che provenivano dalla stanza di fianco adibita ad ufficio e magazzino» afferma ancora molto scosso Dioni: i colpi altro non erano che le attenzioni “particolari” riservate dai malviventi con un piccone ed una mazza da muratore alla cassaforte.

«Mi sono spaventato molto, ho provato ad uscire dalla camera ma la porta non si è aperta cosi attraverso la finestra sono salito sul portico che sovrasta l’ingresso della tortafritteria - prosegue Dioni - Quando sono stato davanti alla finestra dell’altra stanza ho visto alcune persone con le torce che, a loro volta, si sono accorte della mia presenza cercando di accecarmi prima di scappare probabilmente da dove sono venuti, ovvero dal retro del locale. Ho poi telefonato ai carabinieri che sono arrivati poco dopo».

I malviventi, però, se da un lato non sono riusciti ad aprire la cassaforte, dall’altro ce l’hanno fatta a rubare, sia dal magazzino che dallo scaffale presente nel bar, numerose stecche di sigarette, oltre a salumi e al fondo cassa.

Oltre al danno per Marco Dioni si è presentata anche la beffa in quanto ha dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso dell’ospedale di Vaio essendo rimasto ferito ai piedi per aver camminato sul porticato: nella concitazione del momento, infatti, per uscire dalla finestra non ha indossato nessuna calzatura procurandosi numerosi tagli al momento del passaggio sul porticato.

Sul posto, i malviventi hanno lasciato il piccone e la mazza da muratore che sono stati sequestrati dai carabinieri: da qui, e dalle eventuali impronte lasciate, partiranno le indagini dei militari di via D’Acquisto per risalire agli autori del furto.

M.L.