Sei in Gweb+

IL CASO

Salso, la lettera di Sofia. E Papa Francesco chiama don Luigi in Vaticano

23 giugno 2020, 05:04

Salso, la lettera di Sofia. E Papa Francesco chiama don Luigi in Vaticano

Una ragazzina salsese, Sofia, dieci anni, ha commosso Papa Francesco. Alcuni telespettatori della città e della diocesi, vedendo i telegiornali di sabato scorso, si sono chiesti come mai il parroco di Sant’Antonio, don Luigi Guglielmoni ben visibile nelle prime file, fosse presente all’udienza che il Papa ha riservato alla Regione Lombardia proprio nella mattinata di quel giorno.

E’ successo un fatto sorprendente. A insaputa del parroco, nei giorni scorsi una ragazza della parrocchia Sant’Antonio ha scritto al Papa per chiedergli di intercedere affinché don Luigi non venisse trasferito ad altra sede. Come risaputo infatti, don Guglielmoni, è stato destinato dal vescovo Ovidio Vezzoli, alla guida della parrocchia di Busseto. E’ anche risaputo che vari adulti hanno fatto altrettanto, ma la missiva di Sofia, intrisa di innocenza e di tenerezza, deve aver colpito nel segno chi l’ha letta se monsignor Leonardo Sapienza, Prefetto della Casa Pontificia, ha telefonato a don Luigi accertandosi che quella ragazza appartenesse realmente alla parrocchia salsese.

Grande la sorpresa di don Luigi nell’essere interpellato da monsignor Sapienza, che l’ha invitato a recarsi a Roma proprio sabato scorso, all’udienza del Papa, chiedendogli di portare al Pontefice alcuni dei libri scritti col professor Fausto Negri. Anche in Vaticano, infatti, sono note le pubblicazioni di questi due autori. Don Luigi ha accolto l’invito e ha presenziato all’incontro del Papa col presidente della Lombardia, i vescovi e i cappellani degli ospedali delle città lombarde, insieme ai rappresentanti dei medici, degli infermieri, della Croce rossa e della Protezione civile.

Il Papa ha ribadito l’esemplarità di chi si è speso con grande generosità per i malati di Covid-19 e l’importanza di praticare la vicinanza e la prossimità con piccoli gesti quotidiani per realizzare una società più umana e solidale. Poi il Papa ha voluto passare tra le fila dei presenti per intrattenersi qualche minuto di persona con ognuno. Così è stato anche per don Luigi. Non è dato di sapere cosa si siano detti e soprattutto il contenuto della lettera consegnata al Papa, come gli era stato chiesto.

Monsignor Sapienza ha donato a don Luigi un regalo particolare del Pontefice per la piccola parrocchiana che, con una lettera, ha procurato un incontro che ha fatto onore alla sua sincerità, all’operato del proprio parroco e alla squisita tenerezza di Papa Francesco.

«Parlare familiarmente col Papa, a tu per tu, è stato molto emozionante, un dono ancora più gratificante perché non cercato né atteso. Ho trovato un’accoglienza che non mi sarei mai immaginato. E’ uno dei più bei ricordi che porterò per sempre con me» ha confidato don Luigi, che domenica in forma privata, ha consegnato a Sofia e ai suoi genitori il regalo del Papa, una stupenda corona del Santo Rosario nella custodia rossa con lo stemma papale.

s.l.