Sei in Gweb+

MONDO PICCOLO

Brescello, una mostra su Don Camillo e Peppone fra cinema e attualità

24 giugno 2020, 05:01

Brescello, una mostra su Don Camillo e Peppone fra cinema e attualità

EGIDIO BANDINI

BRESCELLO È stata inaugurata, a Brescello, la mostra «Don Camillo e Peppone dal cinema alla realtà», costruita lungo un percorso inverso rispetto a quello che siamo abituati a compiere: dal grande schermo all'attualità.

Così, partendo dall'itinerario «Guareschi e il cinema» voluto dall'assessorato al Turismo della Regione, la sequenza di immagini e parole nei venti pannelli esposti, si propone di mettere in evidenza le peculiarità dei «due mondi piccoli»: quello letterario posto nella Bassa parmense e quello cinematografico, posto invece nella Bassa reggiana.

La trasversalità del territorio rappresenta già di per sé una caratteristica unica, capace di coniugare i luoghi della «memoria del cuore» (Mondo piccolo letterario) e quelli della finzione di grandissimo successo internazionale (Mondo piccolo cinematografico).

Alla presentazione, la sindaca di Brescello Elena Benassi ha sottolineato come la mostra abbia lo scopo di affermare il fatto che il «Mondo piccolo» di Peppone e don Camillo, non solo esiste ancora, ma è perfettamente identificabile e rintracciabile, sia a Brescello, palcoscenico naturale dei film, che a Fontanelle, a Roncole Verdi, a Polesine Zibello, a San Secondo e in tutta la Bassa: «È sufficiente visitare i nostri paesi - ha detto - per rendersi conto che gli ambienti e i personaggi di Guareschi sono ancora qui, con le loro favole e i loro valori universali».

Ospite d'onore dell'inaugurazione Enrico Beruschi, da anni fra gli «Amici di Guareschi» e innamorato della Bassa: «Rivedere questi luoghi, ricordando i grandissimi Fernandel e Gino Cervi è un'emozione forte - ha detto - come è emozionante ripercorrere, lungo questa mostra, il viaggio fantastico attraverso gli scenari e i personaggi di “Mondo piccolo”, partiti stavolta dal grande schermo, per tornare al loro paese».

All'inaugurazione hanno preso parte il consigliere comunale di Parma Davide Graziani, i vertici della Pro Loco di Brescello col presidente Gabriele Carpi, il vicepresidente del Gruppo Amici di Giovannino Guareschi, Pietro Dioni, Edo Cantarelli della Padanaplast di Roccabianca, storico sponsor delle mostre su Guareschi e i moderni Peppone e don Camillo Giulio Bersellini e Abdon Boni.

La mostra «Don Camillo e Peppone dal cinema alla realtà», nella sala espositiva del museo «Brescello e Guareschi, il cinema e il territorio», in via Cavallotti 24 a Brescello, resterà aperta fino al 23 agosto, da martedì a venerdì 9.30-12.30 / 14.30-17.30 sabato, domenica e festivi 9.30-12.30 / 14.30-18.30. Ingresso libero e chiusura il lunedì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

EGIDIO BANDINI BRESCELLO È stata inaugurata, a Brescello, la mostra «Don Camillo e Peppone dal cinema alla realtà», costruita lungo un percorso inverso rispetto a quello che siamo abituati a compiere: dal grande schermo all'attualità. Così,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal