Sei in Gweb+

IMPIANTI SPORTIVI

Via Zarotto: Comune al lavoro per riaprire la piscina

06 luglio 2020, 05:07

Via Zarotto: Comune al lavoro per riaprire la piscina

La piscina di via Zarotto riaprirà in vista dell'avvio della prossima stagione sportiva. Questa è la speranza del Comune, ma nel frattempo la «Giacomo Ferrari» resta chiusa, perché la società che l'aveva in gestione ha deciso di non riaprire l'impianto al termine del lockdown.

«L'obiettivo dell'amministrazione comunale è quello di riuscire a pubblicare la gara per l'affidamento della gestione entro luglio, con la speranza di garantire l'apertura dell'impianto di via Zarotto entro fine estate, cioè in tempo utile in vista dell'avvio della stagione sportiva», commenta Marco Bosi, vicesindaco con delega allo Sport.

Il vicesindaco però non si fa troppe illusione, perché sa che si tratta di scrivere un bando complesso, che oltre alla parte economica prevederà anche una serie di interventi sulla struttura esistente al fine di ridurre drasticamente il consumo energetico. Gli uffici comunali hanno quindi bisogno di tempo, ed è per questo che Bosi mette le mani avanti, nel caso in cui non si riuscisse a trovare un nuovo gestore entro fine estate.

«Valuteremo una soluzione transitoria per riuscire comunque a garantire la ripresa del servizio in occasione dell'inizio della stagione sportiva, che generalmente parte ad ottobre», spiega.

Ma perché il Comune è costretto a preparare un nuovo bando per affidare la gestione della piscina e della vicina palestra?

Kayros, la società che aveva in gestione l'impianto e che ha subconcesso una parte della gestione ad un'altra società, la Hera sport & fit, ha fatto sapere al Comune di non aver intenzione di riaprire le porte della struttura al termine del lockdown, in quanto la gestione sarebbe stata svantaggiosa sotto il profilo economico. Giusto per fare un po' di riepilogo, va ricordato che in Emilia Romagna la riapertura delle palestre e delle piscine è scattata lunedì 25 maggio.

«I gestori, il cui affidamento dell'impianto scadeva a fine giugno, in base alle disposizioni del Governo avrebbero potuto chiedere una proroga dell'affidamento. Ma così non è stato», aggiunge Bosi. Chi era disposto a riprendere l'attività sarebbero stati i subconcessionari, ma non essendo loro i titolari della gestione della piscina «Giacomo Ferrari» non hanno potuto beneficiare dell'opportunità messa sul piatto dalle normative nazionali legate alla ripartenza. A questo punto non resta che attendere la pubblicazione del bando e sperare nell'arrivo di qualche società in grado di riaprire le porte di una piscina «storica».

 

 

 

P.Dall.

 

La piscina di via Zarotto riaprirà in vista dell'avvio della prossima stagione sportiva. Questa è la speranza del Comune, ma nel frattempo la «Giacomo Ferrari» resta chiusa, perché la società che l'aveva in gestione ha deciso di non riaprire...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal