Sei in Gweb+

Don Luigi lascia Salso: «Vi ho amato molto: restate uniti»

09 luglio 2020, 05:03

Don Luigi lascia Salso: «Vi ho amato molto: restate uniti»

Sarà la giornata dell’addio, della commozione, dei ringraziamenti, dei ricordi, quella di domenica, quando alle 10.30 sarà celebrata l’ultima liturgia festiva di don Luigi Guglielmoni, che lascia dopo vent’anni la parrocchia Sant’Antonio. Nei giorni seguenti infatti si trasferirà a Busseto, dove domenica 19 luglio alle 10,30 vivrà il rito di insediamento nella nuova realtà pastorale che il vescovo monsignor Ovidio Vezzoli gli ha affidato. Con don Matteo Piazzalunga e monsignor Pier Giacomo Bolzoni, don Luigi guiderà le comunità di Busseto, Roncole Verdi, San Rocco, Samboseto e Semoriva.
A tutte le famiglie don Luigi ha inviato una lettera nella quale «ringrazia il Signore per l’intensa e generosa esperienza vissuta con i parrocchiani, i collaboratori pastorali e i volontari, come pure con le civiche autorità succedutesi nel tempo».
«Non è il periodo più adatto per il trasferimento dato il gran caldo, le restrizioni antivirali e la partenza già di tanti per le vacanze, ma è quanto mi è stato chiesto» ha sottolineato don Luigi, la cui partenza ha suscitato smarrimento e amarezza.
«Lascio serena, unita e attiva questa comunità, cui ho voluto molto bene» ha continuato don Luigi.
Il positivo bilancio della ventennale presenza di don Luigi in sant’Antonio è unanimemente riconosciuto per le opere di ristrutturazione e di restauro (chiesa parrocchiale, sagrato, canonica, Scuola dell’infanzia, Circolo Anspi, San Rocchino).
«Avevo in cuore altri progetti da attuare con l’aiuto generoso e competente della geometra Antonella Chiesa e dell’architetto Giovanni Rossi: il rifacimento dei campi da gioco, della palestra e del suo atrio; la sistemazione della fiancata sinistra della chiesa parrocchiale; il rinnovo dell’impianto audio nella chiesa e l’eventuale ristrutturazione del presbiterio, come suggerito dal vescovo. Tali interventi hanno un’ampia copertura economica, qualora si volessero realizzare in futuro».
Ma soprattutto sono state tante le iniziative pastorali avviate per coinvolgere attivamente le persone: la “Via Crucis” nei quartieri, la festa del Ringraziamento, la sosta annuale delle reliquie di tanti Santi, incontri a tema con ragguardevoli relatori, mostre, ritiri spirituali, rappresentazioni teatrali, pellegrinaggi con adulti e anche coi ragazzi, eccetera.
Un quartiere periferico è diventato importante. Quando mai si erano visti nel quartiere dei “pescatori” il Patriarca di Gerusalemme, i Cavalieri del Santo Sepolcro e di Malta, il presidente nazionale dell’Azione cattolica italiana, cardinali come Caffarra, Re e tanti vescovi, i soci dell’Unione cristiana imprenditori e dirigenti, il Consulente ecclesiastico nazionale del Centro sportivo italiano.
L’esperienza pastorale maturata in parrocchia e comunicata in varie pubblicazioni, ha fatto sì he don Luigi fosse più volte intervistato dal quotidiano cattolico “Avvenire” e da “TV2000”.
Nei suoi vent’anni don Luigi ha accompagnato nell’ultimo viaggio 1.900 persone, portate a sepoltura e ricordando anche i legami creati con le rispettive famiglie. «Ci mancheranno le sue profonde omelie, la cura della liturgia, la creatività di iniziative e la totale disponibilità, visto che non ha mai lasciato la parrocchia per un giorno di vacanza», sottolineano ora tanti fedeli.«Era un punto di riferimento non solo per i parrocchiani ma per tutta la città e per le istituzioni. Prova ne è il suo prezioso apporto dato alla città nel lungo periodo del “coronavirus”, precisano ancora. «Venivano a parlare con lui persone di ogni estrazione, dal nostro territorio e da fuori» hanno fatto eco tanti altri. La parrocchia Sant’Antonio ha donato a don Luigi una bicicletta con pedalata assistita per facilitargli gli spostamenti nelle strade della Bassa, per raggiungere meglio le cinque parrocchie del circondario . Ora lo attendono con gioia a Busseto, dove fervono i preparativi per una degna accoglienza. Sarà certamente un evento storico: da cinquant’anni, infatti, non si verifica l’ingresso di un parroco. s.l.

Sarà la giornata dell’addio, della commozione, dei ringraziamenti, dei ricordi, quella di domenica, quando alle 10.30 sarà celebrata l’ultima liturgia festiva di don Luigi Guglielmoni, che lascia dopo vent’anni la parrocchia Sant’Antonio. Nei giorni...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal