Sei in Gweb+

In via Po

Azzannato da un pitbull a casa dei nonni: un mese di prognosi

10 luglio 2020, 05:07

Azzannato da un pitbull a casa dei nonni: un mese di prognosi

LUCA PELAGATTI

In questi casi è sempre difficile capire cosa possa essere successo, comprendere come mai, in un lampo, quel cane che da sempre vive con noi e che resta sempre il nostro cucciolo sia scattato e abbia morso.

Ma quello che per davvero conta è che questa storia si sia conclusa, in fondo, tutto sommato senza conseguenze davvero tragiche. Perché quel cane poteva fare molto male.

Tutto è accaduto in una casa di via Po, intorno alle 22.20 di mercoledi. In casa c'era un bimbo di un anno e mezzo, la sua mamma ed i genitori di lei. Oltre a quel pitbull che tutti i vicini dicono non aver mai dato problemi in passato. «Sta nel cortile ma spesso in casa, sembra un cane molto tranquillo», ha confermato una persona che abita li a fianco. Ma l'altra sera il cane, d'improvviso è scattato. E con la sua forza incredibile ha azzannato il piccolo al volto, all'altezza del sopracciglio sinistro. Se sia stata la reazione ad un gesto del bimbo, se qualcosa lo abbia fatto spaventare o irritare non è possibile dirlo. Ma la mamma e i nonni vedendo il bambino sanguinare copiosamente si sono ovviamente spaventati moltissimo. E subito hanno chiesto aiuto. In via Po sono arrivati i mezzi del 118 che hanno preso in consegna il bambino che è stato trasportato al Maggiore. Il timore era che il morso avesse inciso in profondità, che potesse avere coinvolto anche l'occhio. Ma dopo una serie di accertamenti per fortuna i medici hanno escluso le ipotesi peggiori e quindi il piccolo è stato ricoverato in osservazione nel reparto Maxillofacciale. Per lui è stata stabilita una prognosi di trenta giorni.

Secondo la prassi della cosa si sono occupati anche i carabinieri che hanno fatto la segnalazione agli uffici dell'Ausl. Il cane infatti dovrà essere sottoposto ad una visita che si rende ancora più necessaria visto che si tratta di un animale imponente e inserito nella lista dei cani considerati più potenzialmente pericolosi.

Ma come detto nel caso specifico tutti parlano di un animale che mai ha creato problemi e abituato a vivere in quella casa con il bambino. Ma resta sempre quel minimo di imponderabile che è logico quando si parla della reazione istintiva di un animale che chissà quante volte ha giocato e fatto le feste al bambino. A cui stavolta, purtroppo, ha fatto del male.

 

LUCA PELAGATTI In questi casi è sempre difficile capire cosa possa essere successo, comprendere come mai, in un lampo, quel cane che da sempre vive con noi e che resta sempre il nostro cucciolo sia scattato e abbia morso. Ma quello che per...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal