Sei in Gweb+

DON GNOCCHI

Festa per i cent'anni di Luisa Lerini, paladina degli ultimi

16 luglio 2020, 05:04

Festa per i cent'anni di Luisa Lerini, paladina degli ultimi

ISABELLA SPAGNOLI

È nata il 13 luglio del 1920 Luisa Lerini, volto conosciuto da quella Parma che chiama aiuto, che necessita di una parola, di un pasto caldo e di un sorriso. Ha compiuto cento anni, Luisa, ed è stata festeggiata al Don Gnocchi, quella che da qualche anno è diventata la sua casa, il luogo per lei tanto familiare dove ha deciso di rimanere fino all’ultimo giorno della sua vita.

Sorridente e loquace, festeggiata da parenti, medici e infermieri che negli anni sono diventati come familiari, la signora Lerini, era commossa ed emozionata nel vedere dinnanzi a sé quella torta colorata sulla quale svettava una candelina importante. Una torta degna di una regina dedicata a lei che, invece, non voleva mai neppure essere ringraziata per tutto ciò che faceva a favore del prossimo.

È sempre stata riservata e umile, Luisa, tanto da rifiutare due volte il Premio Sant’Ilario che avrebbero voluto assegnarle in onore dell’impegno verso gli ultimi. Volontaria attivissima nella mensa del Don Gnocchi e della Caritas (dove aveva un importante ruolo di coordinamento e accoglienza), era stata anche insegnante nella scuola del Don Gnocchi e dell’ospedale, dove aveva una stanza apposita nelle quale faceva da maestra ai più piccini.

«Luisa girava sempre con una borsa capiente dove teneva, oltre al cibo per i bisognosi, anche indumenti e altri generi di prima necessità - ricorda il personale del Don Gnocchi -. Un giorno venne aggredita per strada da un uomo che voleva rubarle quella borsa, piena di “tesori” destinati ai suoi poveri, ma lei piccina com’era, riuscì a tenergli testa e recuperò il bottino. Luisa è una donna tenace anche oggi, non si da mai per vinta».

Cecilia Scaffardi, presidente della Caritas aggiunge: «Ha sempre saputo guardare, con il cuore, le necessità della povera gente. Donarsi agli altri era la sua missione più importante. Non è mai stata sposata e non ha figli, la sua famiglia sono stati i bambini ai quali ha insegnato, le persone in difficoltà e tutti noi della Caritas e del Don Gnocchi che non la abbandoniamo mai - continua -. È sempre stato difficile sdebitarsi con lei perché non ha mai voluto in cambio nulla, per ciò che faceva, qualche volta le lasciavamo un presente davanti a casa, ma lei non pretendeva niente».

Punto di riferimento di migliaia di persone che in questi anni sono passati sotto le sue amorevoli cure, Luisa, a volte non si atteneva alle regole imposte dalle realtà in cui si adoperava. «Tendeva sempre a fare di più», spiegano i tanti amici che festeggiano oggi il compleanno importante di una donna che, come Padre Lino, si è spogliata di tutto per donarsi agli altri.

 

ISABELLA SPAGNOLI È nata il 13 luglio del 1920 Luisa Lerini, volto conosciuto da quella Parma che chiama aiuto, che necessita di una parola, di un pasto caldo e di un sorriso. Ha compiuto cento anni, Luisa, ed è stata festeggiata al Don Gnocchi,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal