Sei in Gweb+

SERVIZI NEL CAOS

Iren, sciopero a sorpresa agli sportelli. Clienti imbufaliti. La società: usate il web

22 luglio 2020, 05:08

Iren, sciopero a sorpresa agli sportelli. Clienti imbufaliti. La società: usate il web

PIERLUIGI DALLAPINA

La protesta per il cambio dell'appalto corre lungo la via Emilia e scatena le lamentele, più o meno garbate, di chi si è trovato davanti a una porta chiusa. A far saltare la pazienza a chi si è presentato agli sportelli Iren in strada Santa Margherita, ma li ha trovati inspiegabilmente chiusi, è stato lo sciopero indetto senza preavviso - chi si lamenta lo ha già ribattezzato sciopero selvaggio - dagli sportellisti contrari al cambio di appalto che dovrebbe portare ad un presunto peggioramento del loro contratto di lavoro.

Ma se da una parte i lavoratori cercano di far valere i loro diritti con forme di lotta anche estreme, come appunto lo sciopero a sorpresa, dall'altra ci sono i cittadini a cui è stato negato un servizio. E non sarebbe nemmeno la prima volta che accade, come ricorda qualche lettore che ha deciso di sfogare la sua rabbia scrivendo alla «Gazzetta».

Tra i due fuochi c'è Iren, costretta a fare i conti con le proteste di sportellisti che non sono suoi dipendenti e anche con le dure critiche di quei clienti che hanno perso una mattinata senza risolvere i loro problemi.

«Penso che cambierò operatore/fornitore e spero che altri lo facciano, perché scioperare è giusto, ma il rispetto alle persone è sacrosanto», scrive una lettrice che ieri mattina si è presentata davanti agli sportelli di strada Santa Margherita alle 7.30 (era la quarta in coda) per poi sentirsi dire, alle 8.30, che l'attesa è stata vana a causa dello sciopero a sorpresa.

Altra lettera, altre lamentele. «Alle 8.30 senza preavviso alcuno esce un addetto che comunica sciopero selvaggio della società che gestisce gli sportelli - scrive un altro cliente di Iren, lamentandosi per la situazione di ieri -. Nessun referente, nessuna possibilità di reclamo, gente imbufalita per inutile attesa e perdita di tempo». La stessa situazione, assicura, si è già verificata lunedì, venerdì e sabato scorso. Anche a Reggio, lunedì, lo sciopero improvviso degli sportellisti ha fatto saltare la pazienza a decine di persone.

«Iren Mercato si scusa con i cittadini per il disagio causato dalla improvvisa interruzione del servizio di sportello agli utenti», si legge in una scritta dalla multiutility. Iren, poche righe dopo, precisa però che lo sciopero selvaggio non è stato proclamato dai suoi dipendenti ma da «lavoratori delle società So.sel Spa ed Msc Srl - addetti agli sportelli».

In seguito ad una gara, l'appalto per i servizi agli sportelli è stato vinto da una società del Consorzio Leonardo che dal primo agosto dovrebbe applicare non più il contratto del commercio ma quello multiservizi, ritenuto peggiorativo. I sindacati denunciano l'impossibilità di avviare una trattativa e ricordano che, in altre occasioni, Iren ha sostituito gli sportellisti in sciopero con propri dipendenti, azzerando così l'effetto della protesta. Nei prossimi giorni non sono escluse nuove proteste, tanto che Iren rivolge un consiglio ai clienti: usate i servizi web.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIERLUIGI DALLAPINA La protesta per il cambio dell'appalto corre lungo la via Emilia e scatena le lamentele, più o meno garbate, di chi si è trovato davanti a una porta chiusa. A far saltare la pazienza a chi si è presentato agli sportelli Iren in...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal