Sei in Gweb+

TRIBUNALE

L'ex sindaco Vignali ottiene la riabilitazione «Colpo di spugna sulle vicende giudiziarie»

26 luglio 2020, 05:05

L'ex sindaco Vignali ottiene la riabilitazione «Colpo di spugna sulle vicende giudiziarie»

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha concesso la riabilitazione a Pietro Vignali, l'ex sindaco al centro di una lunga e articolata vicenda giudiziaria che lo costrinse a lasciare la fascia tricolore. Una vicenda iniziata nel 2010 con le indagini sulle presunte assunzioni clientelari di 18 dirigenti comunali e terminata poche settimane fa con l'archiviazione disposta dal gip Mattia Fiorentini, su richiesta del pm Paola Dal Monte.

IL «COLPO DI SPUGNA»

«Sono sollevato, ora posso guardare al futuro con più serenità, perché la riabilitazione è come un colpo di spugna sulle vicende giudiziarie che mi hanno coinvolto. In pratica vengono cancellati gli effetti dei procedimenti del passato», commenta Vignali, facendo notare la velocità con cui si è espresso il tribunale. Nell'autunno 2019 l'ex sindaco presentò ricorso e il 17 marzo, in pieno lockdown, i magistrati si sono riuniti in camera di consiglio per decidere se concedere o meno questo «colpo di spugna», divenuto definitivo il 15 luglio.

«Non nascondo di aver vissuto anni difficili, di grande sofferenza, durante i quali ho sempre rispettato la linea del silenzio, anche quando venivano dette falsità sul mio conto», confessa l'ex primo cittadino, che rivendica «i 13 anni spesi a favore di Parma sacrificando la mia vita privata e professionale».

«Questo provvedimento - aggiunge - chiude un capitolo non solo giuridico, ma anche personale, segnato da innumerevoli tensioni e polemiche».

COS'È LA RIABILITAZIONE

«La riabilitazione estingue le pene accessorie e ogni altro effetto penale conseguente ad un procedimento giudiziario», scrive in una nota Benedetta Berselli, l'avvocato di Vignali. «Rende nel suo caso privo di ogni effetto il patteggiamento effettuato. Con la riabilitazione dunque si è reintegrati completamente nella situazione giuridica antecedente al procedimento giudiziario».

Il legale cita il caso specifico del patteggiamento per le accuse di corruzione e peculato. Come precisa Vignali, nel primo caso gli venne contestato un presunto favore ad un locale di via Farini (cioè la possibilità di montare un dehors) in seguito al pagamento, da parte del titolare del locale, del pernottamento di una notte in un albergo. Per quanto riguarda il peculato, invece, l'accusa si riferiva prevalentemente al presunto utilizzo di dipendenti comunali e spese per l'immagine del primo cittadino.

«Nel suo caso - scrive il legale riferendosi all'ex sindaco - dopo aver ottenuto l'archiviazione due settimane fa da parte del gip del tribunale di Parma e la riabilitazione dal tribunale di sorveglianza di Bologna nei confronti della giustizia è “intonso” non avendo peraltro più alcun carico pendente come certificato anche dalla procura e acquisito agli atti dal tribunale di Bologna». Stando ad una ricerca dell’Alma Mater Università di Bologna, ricorda l'avvocato, nel 2009 la riabilitazione è stata concessa solo nel 3,5% dei casi.

LA VICENDA DEI DIRIGENTI

La riabilitazione arriva a poche settimane di distanza da un'altra decisione dei giudici accolta con soddisfazione dall'ex sindaco: l'archiviazione, dopo dieci anni, del procedimento avviato per le presunte assunzioni clientelari in municipio. «Da quella vicenda iniziò il mio calvario giudiziario», dice Vignali, prima di ricordare la durata del procedimento. «Non voglio sollevare polemiche né cerco vendette, però resta l'amarezza per essere rimasto per dieci anni con questa spada di Damocle sopra la testa». Chi invece sembra non voler passare sopra questi 10 anni è l'avvocato dell'ex sindaco, che annuncia di voler valutare l'applicabilità della legge Pinto, relativa all'equa riparazione per irragionevole durata del processo, dopo aver studiato tutta la documentazione del decreto di archiviazione.

PASSIONE PER LA POLITICA

«In questi anni ho messo la politica da parte. Mi sono dovuto concentrare sulla ripresa del mio lavoro - conclude l'ex primo cittadino -, ma non nascondo che sia rimasta la mia grande passione». A questo punto però Vignali frena ogni congettura sul suo futuro. «Al momento non ho nessun progetto politico». P.Dall.

 

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha concesso la riabilitazione a Pietro Vignali, l'ex sindaco al centro di una lunga e articolata vicenda giudiziaria che lo costrinse a lasciare la fascia tricolore. Una vicenda iniziata nel 2010 con le indagini...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal