Sei in Gweb+

Gaione

L'irrigatore bagna il cavo dell'alta tensione: ed è black out

28 luglio 2020, 05:05

L'irrigatore bagna il cavo dell'alta tensione: ed è black out

MONICA TIEZZI

Il black out? E' colpa del letame. Succede anche questo, in questa estate per diversi aspetti anomala. Succede che gli abitanti di Gaione si lamentino delle continue interruzioni di corrente, che Ireti - il gestore della rete elettrica nella frazione - cerchi di indagare e scopra che è colpa di un getto d'acqua e liquami spruzzati sui campi per fertilizzare.

Il problema è sorto a Gaione già da diversi giorni, tanto da indurre alcuni abitanti (in particolare quella di via Vincenzo Ferioli) a scrivere una lettera a Ireti sollecitando interventi.

«Sono micro interruzioni di mezz'ora o poco più, ripetute nell'arco della giornata, ma bastano a creare problemi - dice ad esempio Gabriele Gatti - Gli allarmi antifurto si mettono a suonare, l'aria condizionata si blocca, i cellulari non si ricaricano, frigo e i congelatori si spengono e se qualcuno è in vacanza e non è in grado di riaccenderli, come capita in questo periodo, al rientro tutte le derrate sono da buttare».

Iren si è subito mossa per cercare di svelare l'arcano. Inizialmente era stato ipotizzato un problema ad un cavo da sostituire nell'ambito di un ammodernamento della rete. Poi però un sopralluogo ha chiarito: non di cavo si tratta ma di acqua. Acqua e liquame, per la precisione.

Da Ireti spiegano che non è il primo caso, ma che non si tratta neppure di un inconveniente così comune: il getto usato per irrigare e fertilizzare i campi a volte può bagnare i fili elettrici aerei e alla lunga danneggiarli. In questo caso il potente getto colpisce direttamente la linea elettrica a 15000 volt che alimenta la frazione.

Interpellato sul punto, l’ufficio stampa di Ireti spiega, con il consueto linguaggio diplomatico, che «la linea elettrica che alimenta Gaione ha uno sviluppo aereo in zona rurale e, in questa stagione, è quindi soggetta ad "interferenze" con le lavorazioni agricole». Il problema sembra quindi facilmente risolvibile: abbassare la gittata dell'acqua o spostare di poco l'irrigatore. L'agricoltore è già stato contattato informalmente da Ireti e nei prossimi giorni riceverà un invito formale, per lettera, ad ovviare all'inconveniente. Così tornerà la pace nella frazione: letame nei campi, elettricità nelle case.