Sei in Gweb+

Un chiringuito a Fidenza: i frullati arrivano con il chiosco mobile

28 luglio 2020, 05:06

Un chiringuito a Fidenza: i frullati arrivano con il chiosco mobile

Un «chiringuito» a Fidenza. Matteo Lusignani, 22enne fidentino, ha avuto l’idea dei frullati d’asporto e li distribuisce pedalando.

Com'è nata l'idea del chiosco mobile con la bicicletta?

È una cosa che avevo già in mente da tempo, diciamo un po’ in stile limonata di quartiere nei film americani. Io abito in zona viale dei Gelsi e devo dire che il viavai di persone in strada è da sempre veramente cospicuo, perciò ho pensato che una cosa del genere potesse calzare a pennello».

In cosa consiste il progetto dei frullati da asporto?

L’idea era quella di portare a Fidenza una novità ma rispettando l’ambiente, quindi un qualcosa ad emissione zero, un commercio sostenibile con frutta fresca di stagione e senza zuccheri aggiuntivi. Una volta che ho deciso di trasformare l’idea in qualcosa di concreto, mi sono rivolto al Dragoon Pub di Salsomaggiore per la creazione del chioschetto mobile, cioè una struttura costruita sulla parte anteriore di una bicicletta, mentre nella parte posteriore vengono prodotti i frullati. Al posto della classica dinamo abbiamo sistemato una batteria che, una volta iniziato a pedalare, mette in movimento il frullatore ed il gioco è fatto.

L’attività avrà un futuro?

L’intenzione sarebbe quella di andare avanti ma ora come ora è difficile fare progetti a lungo termine, visto il periodo storico che stiamo vivendo. Ad ogni modo fino al termine dell’estate ci saremo, tutti i giorni dalle 17 alle 20 lungo il viale dei Gelsi e in zona Ballotta e la sera dal palazzo delle Orsoline, nei paraggi del cinema all’aperto. Poi magari prolungheremo il tutto fino a San Donnino, dipende da più fattori, non solamente da noi. Se in futuro ci saranno le condizioni mi piacerebbe estendere questo tipo di attività anche in altri paesi della provincia.

Queste le parole di Matteo: il futuro è un’incognita, ma la volontà, la voglia di mettersi in gioco e di provare a fare qualcosa di innovativo non devono mai mancare. Senza bisogno di andare di fretta, una pedalata alla volta, proprio come il chioschetto mobile che gira per Fidenza. T.M.