Sei in Gweb+

Commercio

Consumi, «gelata» nel dopo-lockdown

30 luglio 2020, 05:06

Consumi, «gelata» nel dopo-lockdown

Monica Tiezzi

L'estate dei commercianti resta incerta, così come quella degli italiani.

All'iniziale rimbalzo dei consumi extra alimentari alla riapertura dopo il lockdown, è seguito un congelamento di vendite, fa notare la vicedirettrice Ascom Cristina Mazza, citando dati Istat che delineano a luglio «la continua flessione del clima di fiducia dei consumatori rispetto a giugno, dopo i parziali recuperi di maggio e giugno». Opinione condivisa anche da Antonio Vinci, direttore di Confesercenti, che cita una ricerca condotta per conto dell'associazione dal Centro studi Nomisma.

Per quanto riguarda terziario, servizi e turismo, Ascom vede «una forte voglia di ripartire e un diffuso miglioramento delle aspettative che rimane, tuttavia, fortemente condizionato dai livelli pregressi di caduta della fiducia».

Vinci parla del turismo come «il settore che paga uno dei prezzi più alti, anche per la cancellazione di eventi e congressi. Così come la ristorazione: lo smart working ha ridotto i clienti della pausa pranzo e il crollo dei turisti ha fatto il resto».

La débâcle maggiore, fanno notare all'Ascom, resta l’intrattenimento, il primo settore a chiudere e l’ultimo a riaprire. «La sospensione delle attività dovuta al lockdown, che ha coinvolto 12.561 imprese del terziario, ha prodotto conseguenze devastanti sui fatturati: il 77,6% ha visto contrarre i propri ricavi nei primi mesi del 2020 rispetto agli ultimi mesi del 2019» spiega Cristina Mazza.

Impietosi anche i dati di Federalberghi provinciale: a Parma e provincia solo il 40% delle strutture è in attività e di queste molte stanno pensando di riaprire direttamente a settembre.

I dati provvisori dell’Ufficio Statistica della Regione Emilia Romagna attestano per gennaio-maggio 2020 un calo, rispetto allo stesso periodo del 2019, che va dal -61% per i pernottamenti in città, al -65% aggiungendo i comuni della provincia, fino a -90% per il termale. «Una situazione preoccupante, anche se non inaspettata, che ha colpito strutture alberghiere (-67%) ed extra alberghiere (-64%)» dicono all'Ascom.

In in assenza di interventi urgenti, dice Ascom, molte aziende potrebbero non farcela e sono urgenti interventi e misure per salvare le imprese e i posti di lavoro, quali la proroga della cassa integrazione sino a fine anno e la riduzione del cuneo fiscale per le aziende che richiamano in servizio il personale. «Insomma, per far ripartire la nostra economia dobbiamo trovare sinergie e collaborazioni - conclude Claudio Franchini, direttore Ascom - anche per permettere ai nostri centri di rivivere e dare maggior fiducia ai nostri clienti verso l’acquisto nei negozi di prossimità, preziosa risorsa per il nostro territorio, dove ciascuno, privato e pubblico, dovrà fare la sua parte».

E proprio il rinnovato ruolo dei negozi di prossimità è per Vinci uno dei punti di forza dal quale ripartire. «La riscoperta dei negozi di vicinato nei quartieri e nei paesi durante il lockdown ha cambiato le abitudini e le modalità di acquisto. E' un segnale positivo da valorizzare, nella speranza che l'onda lunga del cambiamento duri».

Ma sono anche altri gli aspetti sui quali puntare. «Il lockdown ha dato un'accelerata a tendenze già in atto come la promozione e la vendita sul web e la consegna a domicilio dei prodotti» dice Vinci parlando per Confesercenti.

Pur d'accordo che le misure messe in campo finora per sostenere il commercio e il terziario non sono sufficienti, Vinci si dice fiducioso per l'autunno.

«Navighiamo ancora a vista, ma con la riapertura delle scuole e il ritorno al normale lavoro di ufficio credo che le cose miglioreranno. Contiamo anche molto su 2021 anno di Parma capitale della cultura, un'opportunità importantissima che può aprire un periodo di ripresa. Da settembre cominceremo a concretizzare con l'amministrazione comunale e le altre associazioni le linee guida per il rilancio, incrementando forme commerciali diffuse e incentivando la frequentazione del centro storico».

 

Monica Tiezzi L'estate dei commercianti resta incerta, così come quella degli italiani. All'iniziale rimbalzo dei consumi extra alimentari alla riapertura dopo il lockdown, è seguito un congelamento di vendite, fa notare la vicedirettrice Ascom...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal