Sei in Gweb+

IL CASO

Neviano, parcheggi selvaggi

08 agosto 2020, 05:03

Neviano, parcheggi selvaggi

MARIA CHIARA PEZZANI

NEVIANO È un problema che si ripropone puntuale ogni estate, ma quest’anno in modo molto più rilevante, probabilmente a causa dell’emergenza sanitaria che ha messo un freno alle vacanze, ma non alla voglia di cercare ristoro sulle rive dell’Enza. E l’afflusso di tante persone si traduce ancora una volta nel problema dei parcheggi selvaggi vicino ai ponti, lungo le direttrici del territorio di Neviano degli Arduini che conducono al greto: la Sp99, la strada comunale a Cedogno e la Sp17. Una situazione che accomuna tutti i comuni rivieraschi, anche quelli dell’altra sponda dell’Enza. E a nulla sembrano servire gli incessanti controlli degli agenti della Polizia Municipale dell’Unione montana Appennino Parma Est che ogni domenica fanno sopralluoghi e nemmeno le multe che sanzionano i comportamenti scorretti. «Dalla metà di giugno abbiamo iniziato l’attività di controllo e repressione ma gli effetti non sono quelli auspicati – commenta il Comandante della Polizia dell’Unione Stefano Sassi -. La problematica principale riguarda le vetture parcheggiate che creano una situazione di intralcio, rendendo difficoltoso il transito, con il pericolo di precludere l’accesso ai mezzi di emergenza». Decine le contravvenzioni rilevate, oltre 300 le sanzioni, ma il rischio di una multa sembra non spaventare le persone, che persistono nel comportamento scorretto. «Se il fenomeno non conoscerà un’inversione di tendenza ci stiamo attrezzando per la sanzione accessoria della rimozione dei veicoli - spiega Sassi -. Ai problemi della viabilità si aggiungono comportamenti che denotano la mancanza di senso civico, come l’abbandono dei rifiuti. Tra l’altro lungo i corsi d’acqua c’è il divieto di balneazione e di accensione dei fuochi a meno di 100 metri dalle zone boschive. Continueremo nella nostra azione di controllo; l’auspicio è che gli Enti proprietari delle strade migliorino la cartellonistica per evitare che siano meno comportamenti irrispettosi del dettato normativo». «Continueremo a insistere con i controlli degli agenti della Polizia dell’Unione e anche da parte delle Guardie volontarie, per tutelare chi si comporta correttamente e punire chi invece agisce in modo incivile - commenta il sindaco Alessandro Garbasi -. Il fenomeno va contrastato, le automobili vengono parcheggiate senza criterio, in modo da impedire il passaggio. Il rischio è che ci vada di mezzo chi apprezza e valorizza la bellezza dell’area, senza creare problemi. Chiudere gli accessi sarebbe una sconfitta per tutti. La quantità di multe dà l’idea del numero di controlli effettuati. Il rammarico è che nonostante ciò i comportamenti non cambino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MARIA CHIARA PEZZANI NEVIANO È un problema che si ripropone puntuale ogni estate, ma quest’anno in modo molto più rilevante, probabilmente a causa dell’emergenza sanitaria che ha messo un freno alle vacanze, ma non alla voglia di cercare ristoro...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal