Sei in Gweb+

Parma

D'Aversa: i perché del divorzio

22 agosto 2020, 05:06

D'Aversa: i perché del divorzio

CARLO BRUGNOLI

E' finita. Roberto D'Aversa non è più l'allenatore del Parma dopo poco meno di quattro anni sulla panchina crociata e un cammino costellato di traguardi centrati. Non si parla ancora di esonero ma nel caso l'allenatore e il club dovessero trovare una intesa, si procederà a una rescissione consensuale.

Il rapporto fra D'Aversa e il club si era deteriorato già alla fine del campionato quando il tecnico aveva palesemente evidenziato la necessità di rinforzare la rosa e per questo, aveva detto dopo la partita di Lecce, c'era bisogno di un chiarimento.

Il tecnico aveva specificato a più riprese di essere ambizioso e di voler parlare con la società per capire i programmi futuri.

La sua volontà è parsa quella di crescere e puntare più in alto, anche se per puntare ai traguardi più elevati (zona Europa League per intenderci) serve sicuramente un budget che poche squadre in Italia possono permettersi di avere senza alcun tipo di pensiero.

Incassata la fiducia totale della società, che ha comunicato a più riprese al tecnico la volontà di proseguire il percorso insieme, e nominato il nuovo Ds, sono iniziate le riunioni per pianificare la nuova stagione.

Com’è noto, il Parma, dopo anni in cui per scalare le categorie e tornare in serie A ha investito notevoli risorse, ha deciso di sposare una linea fondamentale per garantire il futuro del club e per dare il via a un nuovo ciclo tramite il ringiovanimento della rosa e l’abbassamento del monte ingaggi su cui pesano alcuni acquisti fatti per garantire la salvezza mentre era in corso un processo di consolidamento nella massima serie.

Una linea accettata con entusiasmo dal nuovo ds, che però il tecnico non avrebbe sposato. Scelta legittima la sua, non seguita però da alcun passo concreto e tenendo di fatto il club in una situazione di stallo che, dopo diversi tentativi di ricucitura andati a vuoto in questi giorni, appare ora non più gestibile.

Insomma, quel chiarimento che D'Aversa chiedeva c'è stato, a più riprese, nelle scorse settimane. Il nuovo uomo mercato del Parma, Marcello Carli, ha incontrato il mister ma non è stato possibile arrivare a una condivisione della nuova sfida che attende il club crociato.

A questo punto il divorzio è stato inevitabile anche perché siamo ormai a due giorni dal raduno ed è parso chiaro che il mister non fosse completamente convinto di poter proseguire a queste condizioni.

Ora si pone il problema del dopo e cioè il nuovo allenatore. Non è un mistero che in pole ci sia Fabio Liverani che ha concluso la sua esperienza a Lecce e che potrebbe ritrovare a Parma entusiasmo e nuovi stimoli. Un primo contatto sarebbe già avvenuto e l'ipotesi è quella di un triennale per dar modo a Liverani di lavorare con tranquillità.

Per D'Aversa, invece, si potrebbe prospettare un periodo di inattività o un nuovo incarico: il Genoa potrebbe essere interessato visto che dopo la mancata riconferma di Nicola, anche il club ligure è alla ricerca di un allenatore.

Si chiude quindi la bella storia fra il Parma e il tecnico pescarese, arrivato qui quattro anni fa da semisconosciuto e diventato uno degli allenatori emergenti della serie A. Una bella storia che si conclude forse nel modo più inatteso ma nel calcio quattro anni sono un'eternità. Insomma, forse è stato meglio così.

 

CARLO BRUGNOLI E' finita. Roberto D'Aversa non è più l'allenatore del Parma dopo poco meno di quattro anni sulla panchina crociata e un cammino costellato di traguardi centrati. Non si parla ancora di esonero ma nel caso l'allenatore e il club...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal