Sei in Gweb+

AMBIENTE

Fidenza, 5mila piante nuove per una città più green

28 settembre 2020, 05:01

Fidenza, 5mila piante nuove per una città più green

In arrivo in città cinquemila nuove piante. «A Fidenza una pianta non è un albero e stop ma una forma di mobilitazione sensibile, di rigenerazione urbana e di partecipazione di tutti al cambiamento della città e alla difesa del pianeta. Sì, noi fidentini ci sentiamo orgogliosamente custodi di questo impegno ambientale e i numeri parlano chiaro: in cinque anni abbiamo piantumato 1.200 nuovi alberi per salutare i nuovi nati e dal 2014 abbiamo sviluppato 174.800 metri quadrati di nuovo patrimonio verde. Ora, insieme alla Regione Emilia-Romagna, metteremo a dimora in questa prima fase altre 5.000 piante».

Il sindaco Andrea Massari ha presentato così il progetto con cui il Comune di Fidenza si è candidato in Regione per il bando con cui il governo emiliano-romagnolo vuole distribuire gratuitamente milioni di alberi per abbattere le emissioni, tutelare il paesaggio e, soprattutto, agire contro il cambiamento climatico. Facendo in questo modo da volano a tutti i territori.

Un impegno per il verde pubblico «che si traduce in 25 metri quadrati di verde pubblico per ogni fidentino, letteralmente chilometri di siepi e oggi diventa ancora più ricco con l’inserimento di 5000 nuove piante. Tutto ciò significa personale dedicato, manutenzioni, controlli sulle condizioni delle piante più vecchie per la sicurezza delle persone e l’applicazione di un principio semplice – ha evidenziato il vice sindaco Davide Malvisi –: se tagliamo un albero perché malato o per altre ragioni, lo sostituiamo sempre con una nuova pianta di una specie autoctona». «Fidenza ha una grande tradizione verde e ha colto al volo questa opportunità con la quale andrà a saturare le aree già individuate, proseguendo al tempo stesso un programma di espansione del verde su nuove superfici che stiamo mappando. Tra fine 2020 e inizio 2021 si metteranno a dimora i primi 925 alberi» ha illustrato l’assessore all’Ambiente, Franco Amigoni. Gli interventi di riforestazione arriveranno in sei grandi aree: il bosco di Maia a margine del quartiere produttivo delle Carzole; nuove piante arriveranno nel “Bosco La Bionda”, 8.000 metri quadrati inseriti nel quartiere artigianale omonimo. E poi si farà riforestazione nell’area adiacente al parcheggio Marconi, nell’area di laminazione del rio Rovacchiotto, in prossimità dello svincolo stradale Farfallette, nell’area verde da 13.000 metri quadrati degli orti sociali nel quartiere Europa, denominata “Biblioteca degli Alberi”. Sono sei i luoghi fidentini in cui si interverrà con nuove piante: Parcobaleno, Parco Rabaiotti, Parco della Pace, quartiere artigianale La Bionda, la pista ciclabile che collegherà il centro di Fidenza alla zona del casello autostradale, la pista ciclabile nel quartiere artigianale di via Marconi e l’area verde laterale.

Amigoni ha evidenziato che «già a partire dal 2007/2008, nacque il “Bosco Urbano” nell’area dove oggi lavora il nuovo canile municipale “BorgoBau”, pensata per inserire un vero e proprio cuneo verde tra la tangenziale e gli insediamenti produttivi. Da quel momento Fidenza non si è più fermata e i boschi urbani sono diventati la regola nelle aree interne o sui bordi del centro cittadino».

r.c.

 

In arrivo in città cinquemila nuove piante. «A Fidenza una pianta non è un albero e stop ma una forma di mobilitazione sensibile, di rigenerazione urbana e di partecipazione di tutti al cambiamento della città e alla difesa del pianeta. Sì, noi...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal