Sei in Gweb+

DISTRAZIONE

Borgotaro, sale sull'auto di un altro pensando sia la sua e rincasa

di Franco Brugnoli -

30 settembre 2020, 05:04

Borgotaro, sale sull'auto di un altro pensando sia la sua e rincasa

BORGOTARO Tanto rumore «per nulla». Un fatto curioso, segnalatoci dai carabinieri della compagnia di Borgotaro. Questa volta però, a lieto fine su tutti i fronti. Un uomo di Borgotaro si è recato con la sua Fiat Panda alla camera mortuaria dell’ospedale Santa Maria, per fare le condoglianze ai familiari di una persona defunta. Terminato l’incontro, l’uomo è uscito, è salito sull’auto (aveva lasciato le chiavi sul cruscotto) e se n'è tornato tranquillamente a casa.

Intanto, dallo stesso luogo è arrivato, poco dopo, un altro signore, recatosi a sua volta a rendere omaggio alla stessa salma. All’uscita, però, non ha più trovato la sua auto.

L'uomo ha subito allertato i carabinieri (tramite la centrale operativa del 112), ai quale ha fornito il numero di targa e tutte le altre coordinate del veicolo. I militari hanno iniziato le indagini, su tutto il territorio provinciale, utilizzando anche i filmati delle varie telecamere, comprese quelle installate dal Comune di Borgotaro).

E così l’auto stata trovata, dopo non molto tempo, a casa di un borgotarese, il quale all’arrivo dei carabinieri ha mostrato loro tranquillamente l’auto.

Il fatto è che entrambi i protagonisti della vicenda possedevano lo stesso tipo di macchina, dello stesso identico colore. Le due vetture erano parcheggiate non tanto lontano una dall’altra e, soprattutto, entrambe con le chiavi inserite sul quadro.

Il tutto si è risolto con una stretta di mano ed una pacca sulla spalla, oltre ad un sentito ringraziamento ai militari dell’Arma.

Questa volta tutto si è concluso nel modo migliore. Il comandante della locale Compagnia, capitano Filippo Giancarlo Cravotta, ha però invitato tutti i cittadini a non lasciare mai, per nessuna ragione, le chiavi sul cruscotto dell’auto, quando si fa, ad esempio, la spesa o si parcheggia anche per breve tempo, proprio per scongiurare l’intervento di malintenzionati. E questo vale anche per le abitazioni. Mai lasciare le porte aperte. Non rendiamo ai ladri la vita troppo facile.