Sei in Gweb+

Felino

Finisce in consiglio il «pasticcio» contabile: l'assessore Caccia si scusa

01 ottobre 2020, 05:03

Finisce in consiglio il «pasticcio» contabile: l'assessore Caccia si scusa

MASSIMO MORELLI

FELINOUn pasticcio di tipo contabile ha fatto temere di non approvare il punto riguardante gli sconti in fattura riguardanti le utenze non domestiche, vale a dire commercianti ed artigiani. Cos’è successo di tanto grave? La paternità dell’errore se l’è addossata l’assessore Vincenzo Caccia. «Stasera dobbiamo approvare il punto con il quale andremo ad applicare sconti tariffari sulla parte variabile a chi ha subito danni nei mesi della chiusura causati dal virus – ha detto Caccia – purtroppo mi sono accorto in ritardo di un errore di conteggio a causa del quale lo sconto complessivo dovrebbe passare dai 21mila euro previsti ai circa 65mila ai quali sono arrivato con i nuovi conteggi. Mi assumo ogni responsabilità per l’errore commesso, deciderà il sindaco la mia posizione e nel frattempo mi scuso con tutti voi. Va detto che Iren potrà intervenire per sistemare la cosa impostando lo sconto nella seconda fattura, ma il problema ora è nostro in quanto abbiamo preventivato una spesa minore di quella reale». Il sindaco Elisa Leoni ha voluto tranquillizzare Caccia che resterà quindi al suo posto e ha detto che «ci impegniamo come giunta a fare una variazione di bilancio urgente per sistemare la cosa e non creare problemi ad Iren e ai commercianti e agli artigiani».

Angelo Lusuardi di «Cambiamo Felino» ha parlato di «grave errore da parte dell’assessore», mentre Luigi Fereoli di «Vivere il cambiamento» si è detto «d’accordo con l’intento di aiutare chi ha subito danni» e con riferimento a Caccia ha aggiunto che «solo chi fa sbaglia». Chiara Militerno del «Gruppo misto» ha affermato che «si tratta di un errore rimediabile, ma la responsabilità non è solo di Caccia ma dell’intero gruppo di maggioranza». Dopo discussioni varie sul come risolvere la questione è arrivata la proposta della segretaria comunale Renata Greco. «Per arrivare ad una soluzione occorre formulare un emendamento con il quale si va poi ad una variazione di bilancio urgente». Dopo una breve sospensione necessaria per redigere l’emendamento si è andati al voto con il parere favorevole di tutti i consiglieri. Il punto successivo, che riguardava il piano finanziario per la gestione dei rifiuti, è passato con il voto favorevole della maggioranza, di Chiara Militerno e Dorotea Di Giorgio del «Gruppo Misto», il voto contrario di Laura Del Soldato e Debora Conciatori, mentre Luigi Fereoli si è astenuto. Si è parlato anche di variazione di bilancio con interventi per euro 104mila destinati a coprire le minori entrate del comune nel periodo caratterizzato dal Covid, euro 10mila per sfalci effettuati per conto dei proprietari ai quali verranno addebitati i costi sostenuti, quindi euro 10mila per giochi da destinare ai bambini della materna e del nido in funzione del distanziamento dovuto al Covid, euro 6mila per il tendone utilizzato nel teatro comunale ed euro 25mila per sanificazione ed igienizzazione palestra comunale. Dopo i chiarimenti forniti il punto è andato al voto: favorevoli la maggioranza, Luigi Fereoli, Chiara Militerno e Dorotea Di Giorgio, contrari Angelo Lusuardi, Debora Conciatori e Laura Del Soldato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MASSIMO MORELLI FELINOUn pasticcio di tipo contabile ha fatto temere di non approvare il punto riguardante gli sconti in fattura riguardanti le utenze non domestiche, vale a dire commercianti ed artigiani. Cos’è successo di tanto grave? La...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal