Sei in Gweb+

Scuola

Al Bodoni due positivi asintomatici e classe in quarantena

02 ottobre 2020, 05:06

Al Bodoni due positivi asintomatici e classe in quarantena

MARA VAROLI

Due studenti positivi e una classe intera in quarantena. E' il bollettino di ieri e questa volta è accaduto all'istituto Bodoni di viale Piacenza.

Dopo i casi all'istituto alberghiero di Salsomaggiore, alla scuola di Vigatto e all'Ipsia «Primo Levi», che fortunatamente non hanno avuto conseguenze nel resto della popolazione scolastica, grazie anche agli interventi tempestivi dell'Ausl in collaborazione con le direzioni degli istituti, ora il rischio di contagio è tornato in uno dei tecnici più storici della città. In sintesi, in 15 giorni dalla prima campanella ben quattro classi di Parma e provincia hanno avuto casi di positività. Anche al Bodoni si è seguito l'iter previsto dalla normativa: in un primo momento è risultato uno studente positivo, per cui sono stati subito eseguiti i tamponi ai compagni di classe e agli insegnanti: i responsabili dell'Ausl non hanno ritenuto necessario imporre la quarantena a ragazzi e docenti. Ma poi nel pomeriggio la situazione è cambiata. I test sono stati fatti durante la mattinata di ieri, negli spazi della scuola. E nel pomeriggio è risultato anche un secondo studente positivo al covid, per cui il dipartimento di sanità pubblica ha dovuto mettere in quarantena per 14 giorni l'intera classe.

Ma vediamo nel dettaglio come sono andate le cose. Con la conferma della positività al coronavirus di uno studente che frequenta la prima superiore al Bodoni è scattata nell’istituto tecnico la procedura sanitaria di prevenzione e contrasto alla eventuale diffusione del virus. I professionisti dell’Ausl, grazie anche alla collaborazione della scuola, hanno quindi svolto una mirata e tempestiva indagine epidemiologica tra i contatti della studente. Ne è emerso in un primo momento che grazie al rispetto delle misure di contenimento alla circolazione del virus, utilizzo della mascherina e distanziamento sociale, non era necessario sottoporre la classe a quarantena preventiva in attesa dell’esito dei tamponi proposti a compagni dello studente e degli insegnanti. Proprio per consentire il regolare svolgimento dell’attività scolastica della classe, i professionisti dell’Ausl già ieri mattina hanno eseguito i tamponi: «In questa situazione del tutto nuova e non facile per gli alunni - aveva dichiarato Matteo Fava, docente e referente dei rapporti con gli organi di informazione del Bodoni - è giusto sottolineare come gli studenti si siano sottoposti al test con senso di responsabilità, nonostante gli inevitabili timori». Ben venga, ma nel tardo pomeriggio la scoperta di un nuovo positivo nella stessa classe, per cui il dipartimento di sanità pubblica ha deciso per la quarantena per i 23 ragazzi.

«Il problema non è per nulla superato - confessa il preside reggente Guido Campanini -, oltre al primo è risultato dai tamponi un altro studente positivo ed entrambi sono asintomatici, almeno ad oggi, per cui la classe di 23 ragazzi rimarrà in quarantena per 14 giorni. Mentre gli insegnanti, circa una decina, possono venire a scuola. È un quadro precauzionale non abbiamo malati, ma due casi di positività. Naturalmente per garantire la continuità, per questa classe attiveremo la didattica a distanza».

MARA VAROLI Due studenti positivi e una classe intera in quarantena. E' il bollettino di ieri e questa volta è accaduto all'istituto Bodoni di viale Piacenza. Dopo i casi all'istituto alberghiero di Salsomaggiore, alla scuola di Vigatto e...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal