Sei in Gweb+

Lutto

Il volontariato come missione: Busseto piange Piera Sivelli

03 ottobre 2020, 05:05

Il volontariato come missione: Busseto piange Piera Sivelli

PAOLO PANNI

 

BUSSETO Una colonna della solidarietà e del volontariato; valori che ha espresso costantemente con dedizione, tenacia, amore verso il prossimo e straordinario impegno, sempre sorretta dalla sua incrollabile fede, con umiltà e semplicità non comuni.

Così, in poche righe, si potrebbe tratteggiare la figura di Pier Luisa Sivelli Concari, per tutti a Busseto semplicemente Piera, mancata all’età di 84 anni.

Un passato da magliaia, per molti anni, in un’azienda locale, era da una vita attiva nel volontariato, quello più prezioso, quello rivolto al prossimo, a chi è in difficoltà.

All’inizio degli anni Novanta, insieme a monsignor Stefano Bolzoni (mancato solo pochi mesi fa), e con l’aiuto di alcune donne e amiche aveva dato vita al punto Caritas parrocchiale di cui era, da sempre, la responsabile.

Una realtà benemerita, quella dedicata alla Beata Liduina, che nel tempo si è ingrandita e rafforzata sempre di più, fino a diventare quell’avviatissimo e consolidato sodalizio che è oggi. Un punto di riferimento prezioso e indispensabile, per tante famiglie in difficoltà.

Lei, Piera, è sempre stata lì, in prima linea, pronta ad aiutare, insieme alle altre volontarie e volontari, chi poteva aver bisogno, pronta a spendersi e a prodigarsi.

Nessuno è mai tornato a mani vuote e per tutti ha sempre messo in campo, prima di tutto, il suo cuore grande. Con lo stesso ardore e la stessa passione si è impegnata, per tanti anni, come volontaria, nella Pubblica assistenza Croce bianca.

Senza dimenticare il suo impegno concreto a favore di tante associazioni del paese. In seno alla parrocchia è stata anche una colonna dell’oratorio, della «Bella compagnia» e una grande catechista. Poi, ancora, l’impegno con la classe del 1936 (con cui ha sempre promosso gite). La perdita, ormai diversi anni fa, dell’amato marito Mario (per anni agente di polizia locale, giornalista e scrittore locale) non ne aveva scalfito la voglia di continuare ad adoperarsi per gli altri.

«Ho potuto conoscere Pier Luisa, pregare con lei, apprezzare la sua spiritualità e ascoltare il bene che ha compiuto – ha detto don Luigi Guglielmoni, da poco più di due mesi parroco di Busseto –. Ancora oggi con la Caritas noi godiamo di quanto lei ha avviato per la parrocchia e per il nostro territorio. E’ stata una pioniera. Possiamo solo ringraziarla e proseguire sulle sue orme».

A piangerla, anche l’assessore al sociale Elisa Guareschi che ne ha ricordato i grandi meriti nell’aver fondato localmente una realtà, la Caritas, che è oggi un punto di riferimento preziosissimo. Pier Luisa Sivelli ha lasciato le figlie Cecilia, Francesca e Marta, la sorella suor Evangelina, i generi e i nipoti. Oggi, alle 10, i funerali nella collegiata di Busseto.

 

PAOLO PANNI BUSSETO Una colonna della solidarietà e del volontariato; valori che ha espresso costantemente con dedizione, tenacia, amore verso il prossimo e straordinario impegno, sempre sorretta dalla sua incrollabile fede, con umiltà e...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal