Sei in Gweb+

COVID

Bedonia, annullata la fiera del tartufo

09 ottobre 2020, 05:05

Bedonia, annullata la fiera del tartufo

MONICA ROSSI

 

BEDONIA In attesa di misure quasi certamente più restrittive rispetto al nuovo Dpcm, arriva la notizia che non avremmo voluto dare: annullata la settima «Fiera del tartufo della Val Ceno», che si sarebbe dovuta tenere a Bedonia il 17-18 e 24-25 ottobre. A dare l’annuncio, il sindaco Gianpaolo Serpagli con il vicesindaco Christian Squeri con delega al turismo e il presidente del Centro Commerciale Naturale Marco Mariani. «Considerando, purtroppo, l’esponenziale aumento dei contagi e le ulteriori restrizioni che senza dubbio seguiranno, abbiamo ritenuto doveroso annullare la Fiera – fanno sapere gli organizzatori -. Ne va da sé che siamo dispiaciuti: per questo settimo e attesissimo appuntamento, avevamo fatto uno sforzo ulteriore in termini di energie, volontariato e professionalità. Volevamo organizzare la Fiera in maniera ottimale, nonostante il difficile momento e tutte le restrizioni in corso». La decisione maturata dall’amministrazione è stata dettata anche dal timore di doverla annullare alla vigilia dell’inaugurazione.

«Rimandare a ridosso del primo weekend di fiera sarebbe stato rischioso – dice Squeri -: da ieri è in vigore l’ultimo Dpcm che verrà dettagliato tra una settimana e temiamo che da quella data vietino le fiere. Sarebbe stato imbarazzante dover annullare l’evento con meno di 24 ore di preavviso. Oltre alla necessità di tutelare gli espositori che per partecipare devono investire risorse ed energie, riteniamo prioritario salvaguardare la comunità e i visitatori».

Cocente la delusione di chi già pregustava la kermesse, che quest’anno sembrava avviata a una performance eccezionale.

«Erano attesi stand da tutta Italia - fa sapere Mariani -: Ne siamo orgogliosi e ringraziamo gli operatori per la stima. Augurandoci che la decisione venga compresa, non ci resta che ringraziare tutti, sperare di poter al più presto tornare alla normalità e organizzare quanto prima un evento della stessa portata».

Amareggiata anche la comunità dei cavatori e i ristoratori. «Avevamo il timore che la manifestazione fosse a rischio - commenta Fabio Molinari dell’Hotel San Marco -. Se da un lato il nostro ristorante non ne risentirà se non magari in minima parte, dall’altro perdiamo le entrate dell’albergo perché gli standisti hanno ovviamente cancellato le prenotazioni. Ma quest’anno va così e ci si deve accontentare».

«Peccato - dichiara a sua volta il cavatore Antonio Dallara - perché quest’anno i tartufi sono eccezionali, profumatissimi e la nascita è elevata. La manifestazione avrebbe ulteriormente valorizzato una delle nostre eccellenze».

 

MONICA ROSSI BEDONIA In attesa di misure quasi certamente più restrittive rispetto al nuovo Dpcm, arriva la notizia che non avremmo voluto dare: annullata la settima «Fiera del tartufo della Val Ceno», che si sarebbe dovuta tenere a Bedonia il 17-18...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal