Sei in Gweb+

Collecchio

Matteo e la Guzzi del '57: vacanze romane nonostante la Cisa

09 ottobre 2020, 05:07

Matteo e la Guzzi del '57: vacanze romane nonostante la Cisa

GIAN CARLO ZANACCA

COLLECCHIO In sella alla sua Guzzi d’epoca, ristrutturata con le sue mani, Matteo Dondi, 20 anni di Collecchio, ha vinto la scommessa che ha fatto con se stesso: è andato da Collecchio a Roma e ritorno e ce l’ha fatta in quattro giorni.

Un’impresa non facile che è iniziata proprio dal recupero della vecchia motocicletta simbolo della rinascita dell’Italia posta bellica quando la moto era uno dei mezzi di trasporto più in voga. L’auto era un lusso.

E così Matteo ha ricomposto i pezzi della Guzzi Cardellino 1957, cilindrata 75 centimetri cubi, e l’ha riportata a nuova vita. Ma non si è accontentato e ha affrontato il viaggio non senza qualche vicissitudine. Per farlo ha dovuto apportare anche qualche piccola modifica alla motocicletta, ai tempi, quando fu costruita, il segnale luminoso dello stop non c’era ancora e lui ha dovuto inserire un impianto elettrico ad hoc per conformarsi alle regole del codice della strada odierno.

È partito di buon’ora da Collecchio e ha seguito un percorso principalmente su strade statali. All’andata ha vinto il primo ostacolo, superare il passo della Cisa indenne e ce l’ha fatta.

E’ arrivato a Pisa e non si è fatto mancare neppure una foto ricordo sotto la celeberrima torre. Non facile, perché piazza dei Miracoli è interdetta al traffico, ma lui non si è arreso ha interpellato i vigili urbani, gli ha raccontato la sua storia e ha spinto la moto, scortato da loro, fino all’altezza della torre per farsi immortalare.

Poi tappa a Cecina in capeggio prima di riprendere il viaggio per Roma, dove una coppia di neo sposi gli ha chiesto di fare una foto con la sua Guzzi sotto il Colosseo.

«E’ stata un’esperienza - racconta - indimenticabile: tanti i curiosi che mi hanno fermato lungo il tragitto stupiti di rivedere in strada la vecchia moto, targata ancora Parma». Al ritorno qualche problema si è presentato a cavallo del passo della Cisa, con il caldo il motore si è surriscaldato, ma Matteo ha trovato il rimedio: alcuni fazzoletti imbibiti d’acqua sul motore per raffreddarlo.

La sua passione per le moto nasce nell’infanzia: ha iniziato a sistemare prima le bici, poi gli hanno regalato una mini moto che non andava e lui l’ha fatta ripartire e da allora non ha mai rinunciato alla sua passione recuperando, infine, anche la vecchia Guzzi.

Guzzi che ha dotato anche di un mini bagagliaio in vimini e che è per lui motivo d’orgoglio, con la targa oro della Federazione Motociclistica Italiana.

 

GIAN CARLO ZANACCA COLLECCHIO In sella alla sua Guzzi d’epoca, ristrutturata con le sue mani, Matteo Dondi, 20 anni di Collecchio, ha vinto la scommessa che ha fatto con se stesso: è andato da Collecchio a Roma e ritorno e ce l’ha fatta in quattro...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal