Sei in Gweb+

TORRILE

Vandalismi, schiamazzi, droga: condominio sul piede di guerra a San Polo

17 ottobre 2020, 05:02

Vandalismi, schiamazzi, droga: condominio sul piede di guerra a San Polo

TORRILE Bidoni dell’immondizia e arredi urbani bruciati o danneggiati, idranti srotolati, estintori prelevati dalle strutture pubbliche e scaricati «per giocare», incursioni nella vecchia scuola del paese, immondizia di tutti i tipi lasciata nei parchi pubblici e danni ai giochi delle aree bimbi, spesso a causa di un uso improprio.

Già l’elenco delle «prodezze» compiute dai ragazzini terribili che ciondolano per San Polo dal calar del sole a notte inoltrata sarebbe abbastanza lungo perché iniziare ad interrogarsi sul disagio giovanile. Ma in realtà alla lista mancano ancora gli schiamazzi notturni, pipì contro i muri delle case, bottiglie di vino o birra «scolate» e abbandonate in zone poco in vista fino ad arrivare allo spaccio: episodi che hanno ormai fatto perdere la pazienza ai torrilesi, che da tempo chiedono interventi decisi, mirati anche a far prendere coscienza alle famiglie dei ragazzini protagonisti delle scorribande.

E qualcuno di loro ha deciso di prendere carta e penna e chiedere l’aiuto non solo del sindaco Alessandro Fadda ma anche del neo comandante provinciale dei carabinieri Pasqualino Toscani.

Si tratta dei residenti del condominio Vittoria, l’edificio che affaccia sull’Asolana, via don Minzoni e via Morandi e che costeggia il parco Gombia, la cui particolare struttura sembra essere stata ideata per creare un nascondiglio perfetto. Al piano strada, il piccolo porticato della facciata prosegue con due corridoi nascosti che, forse, in teoria servivano a occultare alla vista i bidoni dei rifiuti e a creare una zona riparata per i tavolini del bar ma che evitano anche che chi passa dalla strada possa vedere cosa accade.

Non solo: gli ingressi alle quattro scale del condominio sono al piano interrato, zona che avrebbe dovuto essere animata da quattro negozi ma su cui oggi affacciano vetrine chiuse e cartelli con la scritta «affittasi». Un passaggio che deve rimanere aperto di notte e di giorno, essendo soggetto a servitù di passaggio pubblica. «La situazione è ormai giunta al limite della sopportazione - scrivono i residenti in una missiva accompagnata da oltre venti firme -. Accade con frequenza ormai quasi quotidiana, senz’altro in tutte le giornate di pioggia a causa della copertura che fornisce riparo e in ogni caso durante i fine settimana, che il sottopasso sia invaso, nelle ore notturne, da decine di adolescenti e giovani che, facendo schiamazzi e spesso suonando musica fino ad ora tarda, rendono impossibile il riposo. Formando assembramenti senza alcun dispositivo di protezione individuale, come mascherine chirurgiche, si dilettano nel consumo e occasionalmente nello spaccio di sostanze stupefacenti. E, quando è possibile chiudere occhio, il risveglio di chi abita nel condominio è caratterizzato dal ritrovamento quotidiano di immondizia, resti di spinelli e bottiglie rotte».

E non finisce qui: «Spesso sono perpetrati atti vandalici, prendendo di mira l’illuminazione o imbrattando i muri condominiali che sono dovuti essere ridipinti recentemente». Le «prove» di quanto riferito sono finite ieri mattina anche sui social network con fotografie e immagini che lasciano ben poco spazio all’immaginazione.

r.c.

 

TORRILE Bidoni dell’immondizia e arredi urbani bruciati o danneggiati, idranti srotolati, estintori prelevati dalle strutture pubbliche e scaricati «per giocare», incursioni nella vecchia scuola del paese, immondizia di tutti i tipi lasciata nei...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal