Sei in Gweb+

PARMA-SUZZARA

Il treno non parte, il bus è in ritardo: pendolari inferociti

18 ottobre 2020, 05:07

Il treno non parte, il bus è in ritardo: pendolari inferociti

CHRISTIAN MARCHI

SORBOLO MEZZANI - Non sembra volgere al termine l’odissea dei pendolari che ogni mattina usufruiscono, per ragioni scolastiche o di lavoro, del servizio ferroviario della linea Parma-Suzzara, divenuta ormai famosa già da diversi anni per ritardi, blocchi, treni soppressi e passaggi a livello malfunzionanti.

L’ultimo episodio di disservizio si è verificato venerdì mattina alla stazione di Parma: «Il treno regionale 90318 diretto a Suzzara delle 7,46 - hanno testimoniato alcuni pendolari - con già tutti i passeggeri a bordo e a motore acceso, non sembrava in procinto di partire. Di conseguenza, passati diversi minuti, alcuni di noi si sono recati dal capotreno, bussando alla sua cabina. Solo in quel momento abbiamo ricevuto l’amara notizia che il convoglio non sarebbe partito a causa di un guasto tecnico. Il macchinista ci ha però informato che il servizio sarebbe stato comunque garantito da un autobus sostitutivo, arrivato però quaranta minuti dopo l’orario di partenza. Perciò nel frattempo, molti di noi, perdendo le coincidenze e rischiando di non poter raggiungere il posto di lavoro in orario, hanno dovuto ricorrere ai taxi, arrivando a spendere anche più di 20 euro».

Ecco dunque lo sfogo dei pendolari: «Anche questo episodio, come i precedenti, ha provocato ingenti problemi ai viaggiatori. Sperando di essere ascoltati - cosa che fino ad ora non è mai accaduta - chiediamo le modifiche degli orari dei mezzi pubblici che attraversano l’intera Bassa, che ora permettono con difficoltà di arrivare in orario sul posto di lavoro, e di sostituire i treni con autobus. Domandiamo con forza anche a tutti i politici locali, compresi il sindaco di Parma, Sorbolo Mezzani, Brescello, Guastalla e Luzzara di imporsi in maniera risoluta sui vertici di Trenitalia e Tper, in modo tale che vengano ascoltate le nostre istanze prima di stipulare le tempistiche. Affinché gli orari siano realmente a servizio della collettività e non un servizio privato».

Si è subito schierato dalla parte dei pendolari il sindaco di Sorbolo Mezzani, Nicola Cesari. «La linea Parma-Suzzara è in testa alla programmazione regionale relativa all’opera di elettrificazione dell’intera tratta - sottolinea Cesari -. Auspico che si faccia in fretta e che questi interventi possano porre fine a questa serie di inconvenienti».

 

CHRISTIAN MARCHI SORBOLO MEZZANI - Non sembra volgere al termine l’odissea dei pendolari che ogni mattina usufruiscono, per ragioni scolastiche o di lavoro, del servizio ferroviario della linea Parma-Suzzara, divenuta ormai famosa già da diversi...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal