Sei in Gweb+

SICUREZZA

Fidenza, sullo scuolabus arriva il termoscanner

25 ottobre 2020, 05:01

Fidenza, sullo scuolabus arriva il termoscanner

Il trasporto scolastico a Fidenza spiegato con una polaroid: aumentato ancora il numero delle corse, niente scuolabus affollati, sui mezzi il meglio delle misure di sicurezza (anche quelle che non erano obbligatorie), tagliato ancora di più il tempo a bordo e nessuna famiglia privata di questo servizio fondamentale. A cominciare dalle 94 domande arrivate fuori termine, per accogliere le quali è stato resettato il servizio, aggiornando tutti i calcoli sulle misure di sicurezza.

Risultato: il Comune, per non lasciare indietro nessuno nell’anno del Covid investe più del 20%, non tocca le rette e dimostra con i fatti «che la scuola è una cosa seria, il bene più prezioso che abbiamo e che dobbiamo proteggere con ogni forza dal rischio di un lockdown. La scuola deve proseguire, non possiamo presentare ancora ai più piccoli il conto di chi non porta mascherine e se ne frega della regole».

Così il sindaco Andrea Massari ha presentato la versione 4.0 del trasporto scolastico fidentino, riorganizzato per non lasciare indietro nessuno e oggi in grado di servire 514 tra piccolini delle materne, bimbi delle elementari, studenti delle medie e ragazzi fino a 16 anni.

«Imponente il numero di nuove corse che sono state attivate: per le scuole elementari passano da sei a nove per il rientro del pomeriggio. E questo permette due risultati: si riduce ancora di più il tempo di permanenza sul mezzo e nessuno, ripeto, nessuno scuolabus di Fidenza viaggia stracolmo con il 100% del carico anche quando le norme lo permetterebbero. Da noi sia l’andata che il ritorno sugli scuolabus sono ben al di sotto dell’80% di riempimento».

E sui mezzi dedicati alle scuole dell’infanzia (materne)? Aumentano le corse, anche in questo caso: per l’andata si passa dalle attuali quattro a cinque; al rientro le corse diventano sette, a fronte delle tre di inizio anno scolastico.

«Per questi bimbi la norma non prevede l’uso della mascherina e permette livelli di carico anche del 100% sui pulmini, se il viaggio dura meno di 15 minuti. Noi abbiamo detto no – ha spiegato l’assessore alla Scuola, Stefano Boselli –. L’Ufficio scuola con un lavoro straordinario ha fatto in modo che sui mezzi sia utilizzato solo il 50% dei posti a bordo per garantire che i bimbi siedano a file alterne. Una forma di prevenzione forte che i bimbi ritrovano nei loro plessi, all’interno dei quali ogni sezione ha i suoi spazi in cui giocare e lavorare, senza venire mai a contatto con le altre sezioni».

 

Aumentano le corse e gli standard di sicurezza: da domani inizierà, infatti, la sperimentazione dei termoscanner a bordo degli scuolabus. Non erano obbligatori ma il Comune li ha acquistati e fatti installare su un primo gruppo di mezzi, per collaudare le procedure di misurazione della temperatura dei bimbi, senza provocare ritardi per l’arrivo a scuola. Dopodiché i termoscanner verranno estesi a tutta la flotta. Inoltre, sui mezzi c’è l’erogazione del gel disinfettante e opera un assistente che garantisce l’igienizzazione delle mani alla salita, il rispetto delle distanze in ogni occasione, l’utilizzo corretto della mascherina e l’assistenza agli alunni con disabilità. Gli assistenti sono obbligatori solo sui mezzi per le materne ma il Comune di Fidenza li ha portati anche sul 99% degli scuolabus che operano per elementari e medie. Infine, uno scuolabus della flotta è attrezzato e interamente dedicato al trasporto di bimbi e ragazzi con forme di disabilità gravi. r.c.

Il trasporto scolastico a Fidenza spiegato con una polaroid: aumentato ancora il numero delle corse, niente scuolabus affollati, sui mezzi il meglio delle misure di sicurezza (anche quelle che non erano obbligatorie), tagliato ancora di più il tempo...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal