Sei in Gweb+

LUTTO

Lesignano, addio a Valter Benedini

di Maria Chiara Pezzani -

30 ottobre 2020, 05:06

Lesignano, addio a Valter Benedini

LESIGNANO - Una vita al servizio delle persone, dei bambini, in mezzo alla gente. Si è spento a 95 anni Valter Benedini, uno dei volti storici di Lesignano de’ Bagni, capace di lasciare con il suo impegno una traccia indelebile nella storia di questa comunità.

Nativo di Vigatto, Benedini si era trasferito in città prima nel quartiere Montanara, dove è stato uno dei fondatori della storica squadra di calcio, poi in via Torelli, di fianco alla Centrale del Latte. Benedini infatti lavorava per l’Associazione provinciale degli Allevatori di Parma e si occupava del controllo del latte.

Poi il trasferimento dell’intera famiglia a Lesignano, piccola realtà in cui Benedini ha trovato la sua dimensione e dove si è distinto per la disponibilità e il costante impegno. Per diversi anni è stato presidente del circolo La Ruota, indimenticabile luogo di ritrovo per i giovani del paese. Le feste del Rosmarino, le serate al circolo, i pomeriggi a gestire il bar, sono ricordi scolpiti nella memoria di un’intera generazione. Terminato il lavoro al circolo, il suo impegno nel volontariato non si è però esaurito e Benedini per 23 anni è stato volontario e coordinatore della sede locale dell’Auser. È stato uno dei primi nonni vigile all’uscita delle scuole, un volto amichevole e una presenza sicura per i bambini del paese che ancora oggi ricordano, nei tanti messaggi di cordoglio arrivati al figlio Roberto, il suo sorriso rassicurante e la paletta in mano. E poi il lavoro nel servizio di accompagnamento degli anziani, la cura del verde pubblico, il supporto in biblioteca.

Un importante servizio premiato con il riconoscimento di civica benemerenza, che ogni biennio il comune di Lesignano assegna in occasione del patrono San Michele a cittadini ed associazioni che si sono distinte in azioni a favore della comunità. Benedini lascia i figli Roberto, Claudio e Ugo, i nipoti Deborah, Natasha, Ilaria, Andrea, Diego ed Elena, i pronipoti ma soprattutto Anna, la compagna di vita, con la quale il prossimo 17 dicembre avrebbe festeggiato l’eccezionale traguardo dei 70 anni di matrimonio.

Un legame indissolubile che li ha portati ad affrontare insieme, forti della loro unione, questi lunghi anni insieme. Una famiglia che ha sempre potuto contare sulla sua presenza forte, a volte di poche parole, ma dotata di uno sguardo in grado di rivelare ogni emozione. Un padre e un nonno indimenticabile e un esempio di dedizione e servizio alla comunità. I funerali si svolgeranno domani nella chiesa parrocchiale di Lesignano (partenza alle 14,30 dall'Ospedale Maggiore di Parma), il rosario sarà recitato questa sera alle 20,30 nella stessa chiesa.