Sei in Gweb+

Oltretorrente

Vandali danneggiano le auto con la vernice

02 novembre 2020, 05:07

Vandali danneggiano le auto con la vernice

Forse ora saranno le telecamere a dare una mano per trovare i responsabili di questo assurdo raid vandalico. Ma nel frattempo, mentre le forze dell'ordine si occupano di indagare, molti parmigiani dovranno fare ricorso al carrozziere per riparare i danni. Pagando probabilmente a caro prezzo la stupidità di qualcuno.

È infatti pesante il bilancio dei danneggiamenti compiuti tra la serata e la notte di sabato nell'Oltretorrente, in particolare nella zona compresa tra piazzale Rondani, via Benassi, via padre Lino e via Don Bosco. In quelle strade sono molte le auto che sono state imbrattate con della vernice blu da qualcuno che in alcuni casi si è limitato, si fa per dire, a tracciare righe colorate sulle fiancate e sui cofani, mentre in alcuni casi il vandalo si è soffermato colorando completamente le targhe o certe parti di carrozzeria.

Ma non solo: ieri mattina i residenti si sarebbero resi conto che anche alcuni portoni di abitazione sono stati sporcati da qualcuno che ha attraversato il quartiere lasciandosi dietro questa scia di danni e colore.

Come detto, alcune persone se ne sono accorte già durante la serata, mentre altri solo ieri mattina, uscendo in strada, hanno visto quello che era stato fatto e hanno contattato i centralini delle forze dell'ordine, che stanno raccogliendo le denunce. È infatti ancora impossibile sapere con precisione quante siano state le carrozzerie danneggiate e probabilmente solo nelle prossime ore, quando tutti saranno tornati a recuperare il mezzo, si avrà la conta esatta dei mezzi coinvolti.

Intanto però come detto si spera che un'analisi attenta delle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza, pubbliche e private, presenti nella zona, possa consentire di risalire al responsabile di questo ennesimo gesto inspiegabile.

Questa nuova razzia arriva a pochi giorni di distanza dal caso di un gruppo di giovanissimi scoperti dalla polizia locale e accusati di aver coperto con graffiti diversi palazzi del centro storico, nella zona del Duomo, arrivando a sporcare anche il muro del vescovado.

In quel caso, la procura aveva emesso un comunicato per ricordare che simili comportamenti sono perseguiti con impegno e possono costare molto cari, sia in termini di condanne, sia in termini economici qualora i responsabili vengano scoperti ed essi debbano coprire le spese di ripristino dei beni vandalizzati. Un appello che riguarda anche quindi i responsabili di questo stupido gesto, che potrebbero trovarsi a dover saldare la spesa di diversi carrozzieri e anche del lavoro di imbianchini incaricati di rimettere a nuovo le facciate delle case.

r.c