Sei in Gweb+

Il caso

Il tennista «ostaggio» del Covid a Parma

18 novembre 2020, 05:05

Il tennista «ostaggio» del Covid a Parma

VITTORIO ROTOLO

Era arrivato a Parma con l’obiettivo di giocarsi fino in fondo l’Atp Challenger 80 organizzato da Mef Tennis Events, per raggranellare punti utili e risalire così una classifica mondiale che lo vede attualmente collocato alla posizione numero 225. Ma il francese Constant Lestienne, classe 1992, dopo aver superato il primo turno (7-6, 7-5 sul serbo Milojevic), è stato costretto a dare forfait.

Una rinuncia dovuta alla positività al Covid-19 emersa dal tampone cui il tennista era stato sottoposto lo scorso 2 novembre, nell’ambito del consueto giro di controlli previsto dal protocollo del torneo. Rimasto a Parma, in isolamento, Lestienne è risultato positivo anche al secondo tampone, dieci giorni dopo. «Le autorità locali mi hanno detto che giovedì (12 novembre, ndr) sono risultato debolmente positivo al tampone e quindi sarò costretto a rimanere in hotel fino al 23 novembre, senza altri test. Non posso crederci, non trovo aiuto» si è sfogato Lestienne, in una storia pubblicata sul proprio profilo Instagram. Ma a fare chiarezza sulla vicenda, ci ha subito pensato Mef Tennis Events. «Non c’è stata alcuna anomalia nelle procedure, che sono state attuate di concerto con l’Ausl di Parma e sulla base delle opportune indicazioni che le stesse autorità ci hanno fornito» precisa Marcello Marchesini, presidente della società che ha organizzato il Challenger. «Con l’Ausl – aggiunge - siamo costantemente in contatto: sabato scorso siamo stati informati della positività del ragazzo pure al secondo tampone. Il protocollo prevede quindi che Lestienne rimanga ora in isolamento fino al prossimo 23 novembre: quel giorno scadranno le tre settimane dal primo tampone, fissate dalla vigente normativa per determinare la non contagiosità. A quel punto, non appena riceverà il via libera da parte dei sanitari, il giocatore potrà concludere il proprio periodo di isolamento».

Avrebbe certamente preferito prolungare il soggiorno a Parma magari per scoprire le meraviglie del nostro territorio, Lestienne. Ed invece, da più di due settimane ormai, è chiuso in albergo, «ostaggio» del coronavirus. In compenso, alle spese ci ha pensato l’organizzazione del torneo. «Ovviamente sì» conferma Marchesini. «Il ragazzo alloggia in una struttura alberghiera a quattro stelle con pensione completa, tutto a carico nostro e dell’Atp. Ci ha anche ringraziati, di questo. Ma fa parte del nostro lavoro. Lestienne – conclude il numero uno di Mef Tennis Events – sta vivendo una situazione personale difficile, lo comprendiamo. Noi gli siamo emotivamente e concretamente vicini: fino a quando resterà qui, continueremo infatti a garantirgli tutto il supporto di cui ha bisogno».

 

VITTORIO ROTOLO Era arrivato a Parma con l’obiettivo di giocarsi fino in fondo l’Atp Challenger 80 organizzato da Mef Tennis Events, per raggranellare punti utili e risalire così una classifica mondiale che lo vede attualmente collocato alla...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal