Sei in Gweb+

San Polo di Torrile

Troppe multe sull'Asolana: scoppia la polemica

19 novembre 2020, 05:05

Troppe multe sull'Asolana: scoppia la polemica

Chiara De Carli

 

TORRILE L’installazione sul semaforo di San Polo del Vistared, il sistema di videosorveglianza omologato per il rilevamento delle infrazioni relative alla segnaletica stradale e che permette quindi di multare i veicoli che passano con il rosso, risale ai primi giorni di settembre ma è stato solo dopo un mese di «tolleranza» che la Polizia Locale ha iniziato a compilare i verbali destinati ai trasgressori.

Dai dati registrati da fine settembre fino allo scorso 31 ottobre, le sanzioni elevate sul tracciato storico dell’Asolana sono state ben 386 e c’è anche chi di multe ne ha presa più di una, rimediando così una «botta» al portafoglio e restando anche appiedato visto che il codice della strada prevede una sanzione di 163 euro con decurtazione di 6 punti dalla patente e, in caso di recidiva nell’arco del biennio, anche la sospensione della.

Ma se già le tempistiche scelte per i lavori, sovrapposti a quelli su strada della Selva, erano state causa di borbottii in paese per le lunghe code che si formavano negli orari di punta, appena le notifiche delle sanzioni hanno iniziato ad essere consegnate il «caso del semaforo» è letteralmente esploso.

Le lamentele sulla pagina «sei di San Polo se…» sono incentrate soprattutto sul tempo di durata del «giallo» - dopo la sostituzione del semaforo tarato a tre/quattro secondi - e chi era abituato a premere sull’acceleratore vedendo il semaforo diventare giallo, ora «rischia» grosso avendo a disposizione solo 40 metri alla velocità massima consentita sul tratto di strada prima del cambio di colore. «Il VistaRed è stato installato per motivi di sicurezza in uno dei punti viabilistici più pericolosi del nostro territorio – ha sottolineato il sindaco Alessandro Fadda, intervenuto sulla vicenda anche con post su Facebook -. Per chi ha dubbi rispetto al corretto funzionamento del sistema di videosorveglianza è possibile prendere appuntamento con la Polizia Locale per visionare il filmato che ritrae il passaggio con il rosso. Il Vistared rispetta i parametri di legge: se si transita con l’arancione ed il rosso scatta successivamente quando si sta ancora impegnando l’area dell’incrocio non viene rilevata alcuna infrazione».

L’incredulità davanti alla sfilza di sanzioni ha convinto numerosi torrilesi a recarsi in municipio per visionare i filmati del VistaRed, tanto che l’ufficio della Polizia Locale, nell’ultima settimana, è risultato essere tra quelli con il maggior numero di accessi, e ad oggi sembra che pochissimi abbiano scelto poi di presentare ricorso.

E se c’è chi accusa il Comune di «voler solo fare cassa» in molti chiedono invece di «ripensare il metodo», migliorando la sicurezza con la realizzazione di una rotatoria, o, almeno, di installare sul semaforo un contatore alla rovescia, utile anche per evitare che chi vede scattare il giallo inchiodi improvvisamente causando un tamponamento.

 

Chiara De Carli TORRILE L’installazione sul semaforo di San Polo del Vistared, il sistema di videosorveglianza omologato per il rilevamento delle infrazioni relative alla segnaletica stradale e che permette quindi di multare i veicoli che passano...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal