Sei in Gweb+

LUTTO

Collecchio, addio a Elvio Rovelli

20 novembre 2020, 05:03

Collecchio, addio a Elvio Rovelli

COLLECCHIO Addio a Elvio Rovelli, 70 anni, l’artigiano che ha vissuto l’epopea dell’industria metalmeccanica alimentare di cui è stato protagonista.

Si era trasferito ancora adolescente con la famiglia da Viarolo a Collecchio, nella prima metà degli anni Sessanta. Il padre Bruno, scomparso qualche anno fa, era molto conosciuto a Collecchio, dove ha collaborato come volontario alla realizzazione di diverse iniziative.

Elvio, ancora ragazzo, si è subito dato da fare lavorando come fabbro in alcune aziende del territorio. Si è formato sul campo, senza tanti studi alle spalle, ma con tanta esperienza vissuta e tanto impegno. E, dopo aver lavorato come dipendente, nel 1972 realizza il suo sogno, dando vita ad un’attività artigianale con il fratello Adriano, la Fratelli Rovelli di Sala Baganza. Nel tempo Elvio si specializza sempre di più nella manutenzione, produzione e progettazione di macchine per l’industria alimentare. E’ impegnato per quasi un decennio alla Parmalat, dal 1977 al 1989, proprio come meccanico artigiano. Per molti anni ha collaborato anche con Procomac.

Fu tra i primi meccanici artigiani a lavorare per l’azienda, quando fu fondata da Valdo Ravanetti, Germano Storci e Ermanno Morini, negli anni Settanta. Si fece apprezzare anche alla Lanfranchi ed alla Simonazzi. Nel 1996 la decisione di separarsi dal fratello e di fondare un’azienda tutta sua, la Rovelli Elvio di Collecchio, attiva fino al 2013. Nella sua lunga carriera si è occupato di diversi aspetti legati all’industria metalmeccanica: dalle linee di imbottigliamento al packaging. Puntuale e serio sul lavoro, nella vita si è contraddistinto per la simpatia, la giovialità, l’ottimismo. Ha dedicato la propria esistenza al lavoro ed alla famiglia.

Conobbe la moglie Daniela, appena dopo aver fatto il militare, nel 1972. Poi il matrimonio nel 1977, coronato dalla nascita dei figli Marco e Michela e dall’arrivo dei nipoti Mattia, Nicolò e Beatrice di un anno e mezzo, a cui era molto affezionato.

Appassionato di cucina e ottimo cuoco, non ha mai tradito le sue origini legate al mondo contadino ed ha continuato fino all’ultimo a coltivare il suo orto e le sue rose. «Ogni mattina – ricorda la moglie Daniela –, in primavera, me ne portava un mazzo appena colte. Ci mancherà, ci mancheranno il suo sorriso, la sua tenacia, la voglia di vivere».

Appassionato di baseball, come il padre, ha trasmesso questa sua passione al figlio Marco, che, negli anni Novanta è stato uno dei grandi lanciatori del Baseball Collecchio.

G.C.Z.

 

COLLECCHIO Addio a Elvio Rovelli, 70 anni, l’artigiano che ha vissuto l’epopea dell’industria metalmeccanica alimentare di cui è stato protagonista. Si era trasferito ancora adolescente con la famiglia da Viarolo a Collecchio, nella prima metà degli...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal