Sei in Gweb+

Busseto

La Bassa piange Mario Corbellini, appassionato della storia locale

02 dicembre 2020, 05:01

La Bassa piange Mario Corbellini, appassionato della storia locale

PAOLO PANNI

 

BUSSETO Un amore sconfinato per la sua Busseto. Vissuto e dimostrato attraverso uno straordinario impegno nel campo della storia, della cultura e in quello speciale della solidarietà.

Lui, Mario Corbellini, era un uomo speciale, legato profondamente alla sua terra, attivo nell’associazionismo, rivolto sempre a costruire molto e a parlare poco.

Animato da quella semplicità d’animo che caratterizza i migliori. Se ne è andato in punta di piedi, secondo il suo stile, a 73 anni, lasciando in coloro che lo hanno conosciuto un fulgido ricordo fatto di profondi valori umani.

A lungo funzionario di banca, in diversi istituti di credito di Parma e provincia, era da tempo in pensione. Tutta la sua vita, pur vivendo tra Parma e Vidalenzo, è sempre stata legata e rivolta alla sua terra, quella di Busseto.

Grande appassionato di storia e di cultura, conservava scrupolosamente e meticolosamente qualsiasi testimonianza o ricordo legati alla sua terra.

Nel tempo, da autentico e infaticabile collezionista di cimeli e di ricordi, ha messo insieme una vera e propria «miniera» di storia locale; un patrimonio di memorie che, insieme a quello dei tanti libri e quadri che conservava, in nessun modo può andare disperso.

Autore di un interessante volume dedicato ai 140 anni del teatro Verdi, aveva collaborato anni fa, con la biblioteca della Fondazione Cariparma alla realizzazione di due importanti mostre su Verdi e il Risorgimento; nel 2013, all’Archivio Guareschi di Roncole Verdi, aveva invece curato la mostra «Le memorie nel petto raccendi – Busseto e Roncole per Verdi negli anni».

Grande cultore verdiano, a Parma ha collaborato per diversi anni con l’Archivio di Stato.

A Busseto era tra i fondatori del vecchio circolo «Alberto Pasini» e, da anni, socio e volontario entusiasta e partecipe dell’associazione culturale Amici di Verdi (con la quale, specie nei giorni festivi, ha spesso collaborato nella gestione delle visite al Museo di Casa Barezzi).

Collaboratore prezioso del Biscioneide Doc (lo storico numero unico satirico bussetano che esce ogni anno per Natale), curava da anni una interessante rubrica volta alla riscoperta e alla valorizzazione dei personaggi della storia di Busseto.

Tifoso, per tradizione di famiglia, del Bologna calcio era un benefattore dell’associazione Do Re Miusic, per la quale aveva istituito, in memoria della moglie Rita (scomparsa cinque anni fa) una borsa di studio a favore di un giovane violista di origine indiana sostenendone così, concretamente, il percorso di studi.

Fin dalla fondazione era presidente, tuttora in carica, dell’associazione Amici del Convento di Santa Maria degli Angeli (con la quale si occupava della valorizzazione dello storico complesso monastico e, in particolare, del reperimento dei fondi per il suo restauro) ed era tra le «colonne» del comitato «Salviamo la chiesa di Verdi a Roncole».

Tutti impegni che ha svolto e portato avanti animato solo dal suo amore per Busseto, per la sua storia e le sue eccellenze.

In tanti, non appena si è diffusa la notizia della sua scomparsa, ne hanno ricordato le qualità di uomo sensibile e disponibile, innamorato della sua terra, esperto di storia e di cultura, zelante conservatore dei saperi e delle memorie locali.

Mario Corbellini ha lasciato la sorella Amelia con Paolo, Mariachiara ed Adalberto, i cognati, la nipote Francesca. Il funerale è fissato per questa mattina, alle 10, in collegiata a Busseto.

 

 

PAOLO PANNI BUSSETO Un amore sconfinato per la sua Busseto. Vissuto e dimostrato attraverso uno straordinario impegno nel campo della storia, della cultura e in quello speciale della solidarietà. Lui, Mario Corbellini, era un uomo speciale,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal