Sei in Gweb+

Torrile

Lupo ucciso a colpi di fucile. Mendi: «Atto criminale»

di Luca Molinari -

02 dicembre 2020, 05:08

Lupo ucciso a colpi di fucile. Mendi: «Atto criminale»

TORRILE Ucciso con un colpo di un fucile da caccia. Un giovane esemplare di lupo è stato ritrovato morto domenica scorsa al confine con la riserva naturale di Torrile e Trecasali. A denunciare il gravissimo fatto è la Lipu, che gestisce la riserva con l’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità dell’Emilia occidentale. Gigliola Magliocco, responsabile per la Lipu della riserva, ha quindi avvertito il Centro di recupero fauna selvatica di San Polo d’Enza.

Una volta recuperato, lo sfortunato lupo – un giovane nato quest’anno - è stato portato al Wolf Appennine center dove il veterinario Luigi Molinari ha effettuato l’esame della carcassa e certificato la causa della morte: alcuni colpi partiti da un fucile da caccia, di quelli utilizzati per la caccia alla lepre. Un atto volontario, quindi, effettuato da distanza ravvicinata. «Un fatto di gravità inaudita – commenta Michele Mendi, delegato della Lipu di Parma e consigliere nazionale dell’associazione –. Faremo tutto il possibile per aiutare le forze dell’ordine a individuare il responsabile, o i responsabili, di questo atto criminale: vorremmo anche capire chi era a caccia domenica, visto che potevano cacciare solo i residenti del comune di Torrile». «Da parte nostra – prosegue - intensificheremo nei prossimi giorni l’attività di vigilanza volontaria, affiancandoci al prezioso lavoro svolto dai Carabinieri forestali ottimamente guidati dal comandante Pierluigi Fedele». Viene quindi lanciato un appello «alle associazioni venatorie e agli Atc affinché condannino questo fatto – aggiunge Mendi - e collaborino per trovare i responsabili, mentre continuiamo ad attendere dal Governo una nuova legge che assicuri punizioni più severe, una vigilanza più forte e una maggiore certezza che i responsabili di questi atti criminali vengano puniti».

Il comandante Fedele ha avviato le indagini per individuare i responsabili. «Il lupo è una specie fortemente protetta e quindi la sua uccisione si configura come un atto illecito – precisa - che ha implicazioni penali. Se qualcuno avesse visto persone sparare o udito colpi di fucile, può contattarci al numero di telefono 1515».