Sei in Gweb+

LESIGNANO

Derubati i gestori della Vecchia Fucina: casa a soqquadro, cassaforte svuotata

13 dicembre 2020, 05:03

Derubati i gestori della Vecchia Fucina: casa a soqquadro, cassaforte svuotata

MARIA CHIARA PEZZANI

LESIGNANO Non bastano le difficoltà il settore ristorazione che sta affrontando e che inevitabilmente hanno colpito anche la famiglia Tamani, titolare del noto ristorante «Vecchia Fucina» che si trova a Bannone. A completare il quadro di questo disastroso anno ci hanno pensato i ladri, che venerdì si sono introdotti nell’abitazione della famiglia a Lesignano Bagni.

I malviventi hanno messo completamente a soqquadro ogni piano della casa, ogni stanza e portando via un bottino ingente, fatto di oro e preziosi. «Non c’è più niente da prendere» commenta amareggiato il figlio Nico.

La scoperta del furto è avvenuta venerdì nel tardo pomeriggio, intorno alle 18, al rientro da un’impegnativa giornata al ristorante. «I miei genitori sono tornati ed hanno trovato la porta di casa aperta ed una finestra rotta - racconta Nico -. Quasi certamente sono entrati da lì, dalla parte anteriore dell’abitazione e non dal campo che è dietro casa, come hanno confermato dopo il sopralluogo i carabinieri, immediatamente giunti sul posto dopo la chiamata di mio padre al 112. Probabilmente i ladri hanno usato un piede di porco per forzare gli scuri, piegare il telaio della finestra per poi introdursi all’interno. Hanno fatto il giro di tutta casa, dalla lavanderia alle camere, la taverna, tutte. Non hanno risparmiato nulla, portandosi via tutti gli oggetti di valore».

I malviventi hanno rovistato in ogni stanza, aperto i cassetti, gettandoli poi a terra assieme al loro contenuto. Lo stesso hanno fatto con gli armadi, buttando a terra vestiti, asciugamani e tappeti, rovistando in ogni scatola o confezione presente alla ricerca di preziosi e oggetti di valore, portandosi via anche un giubbotto e un phone. «Sono poi riusciti a trovare la cassaforte - continua Tamani -. Prima l’hanno smurata, poi aperta. Hanno preso tutto, gioielli, orologi, soldi, argento».

Da quanto spiega Tamani, sembra che i ladri siano entrati in azione la mattina. «Penso ci abbiano osservati. Probabilmente conoscevano i nostri orari e sono riusciti ad agire indisturbati. Anche il cane ha fatto quello che poteva. Non so cosa gli abbiano fatto, ma è rimasto molto scosso da quanto accaduto. È molto agitato».

Ci vorrà molto tempo per rimettere in ordine la devastazione lasciatasi alle spalle dai malviventi.

I danni materiali sono pochi, il valore di quanto trafugato è considerevole, così com’è grande la rabbia per un episodio che si va a sommare al periodo non facile che la famiglia sta attraversando.

MARIA CHIARA PEZZANI LESIGNANO Non bastano le difficoltà il settore ristorazione che sta affrontando e che inevitabilmente hanno colpito anche la famiglia Tamani, titolare del noto ristorante «Vecchia Fucina» che si trova a Bannone. A...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal