Sei in Gweb+

Sissa

L'oratorio: per Anna Casalini ragione di vita e tesi di laurea

di Michele Deroma -

21 dicembre 2020, 05:03

L'oratorio: per Anna Casalini ragione di vita e tesi di laurea

SISSA TRECASALI «Credo che rendere la comunità partecipe della conclusione del mio percorso di studi, sia anche la giusta e doverosa restituzione di un percorso che non appartiene solo a me. Questo traguardo non sarebbe infatti stato possibile senza qualche volontario sempre disposto a sostituirmi in oratorio quando c’erano gli esami; senza il sostegno del parroco, sempre pronto ad ascoltare e discutere ogni materia di studio; senza il confronto con gli altri giovani universitari, e senza la pazienza e la curiosità dei bambini, quando mi portavo in oratorio i libri o la tesi da scrivere».

Gli oratori sono il cuore della vita professionale della 29enne Anna Casalini, che dal 2014 coordina le strutture della parrocchia di Sissa Trecasali all’interno del Progetto Oratori, organismo diocesano gestito dalla cooperativa Eidè, con il contributo di Fondazione Cariparma e degli enti territoriali coinvolti: la 29enne si è laureata nei giorni scorsi in Scienze dell’Educazione e dei processi formativi, all’Università di Parma. Ma in un anno decisamente anomalo, anche per gli studenti laureandi, la discussione della tesi di laurea di Anna era stata inizialmente programmata in un pomeriggio di apertura dell’oratorio di Sissa, dove la 29enne lavora: «Avrei potuto chiedere a qualche volontario di sostituirmi per aprire l‘oratorio, e laurearmi da sola nel mio salotto di casa - ha spiegato Anna - ma quando l’ho riferito al parroco, don Filippo Stievano, lui mi ha detto subito che sarebbe stato molto meglio condividere questo traguardo con i diretti destinatari: i bambini e i ragazzi». È nata così l’idea di organizzare la proclamazione di laurea di Anna Casalini proprio nell’oratorio di Sissa, allestito per l’occasione con lo schermo per rendere possibile il collegamento con i docenti universitari, e le seggiole – ovviamente distanziate – per permettere a bambini e ragazzi di assistere all’evento.

Anna ha ottenuto un bel 103, presentando una tesi dedicata proprio al ventennale dall’istituzione del Progetto Oratori, «di cui ho raccontato l’evoluzione, l’attuale struttura e organizzazione, evidenziandone soprattutto i punti di forza: ho poi analizzato alcune specifiche aree di interesse del Progetto Oratori, come lo sviluppo di una comunità educante e il sostegno al protagonismo giovanile». Elementi che Anna ha potuto sperimentare direttamente nella propria esperienza lavorativa, «iniziata un po’ per caso e molto per scelta, in un momento della vita in cui mi ero detta di cercare cosa fosse realmente importante per me. L’oratorio è quel posto dove mi sono sempre sentita “nel posto giusto” e a mio agio come a casa, per cui appena sono arrivata nelle comunità di Sissa e Trecasali sono stata davvero felice di trovare luoghi già abitati, soprattutto dai ragazzi. La relazione con loro è il motore di tutte le attività».

E condividere con gli stessi giovani dell’oratorio di Sissa un traguardo così importante, è probabilmente il regalo più bello per la propria laurea.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA