Sei in Gweb+

FIDENZA

Addio a Stefano Merli. Gli amici: «Carissimo Fumòn, con te se ne va la nostra gioventù»

08 gennaio 2021, 05:03

Addio a Stefano Merli. Gli amici: «Carissimo Fumòn, con te se ne va la nostra gioventù»

Era ricoverato all’ospedale di Mantova in attesa di un intervento cardiaco, ma purtroppo non ce l’ha fatta: se n’è andato a 61 anni, Stefano Merli, «Fumòn» per tutti gli amici borghigiani. Il triste tam tam si è sparso in fretta ieri tutta la città e sui social: «Fumòn ci ha lasciato».

E sono stati postati centinaia di messaggi per salutare questo fidentino benvoluto da tutti. Borghigiano doc era originario del quartiere San Michele, dove aveva abitato per anni, in via Boccaccio. Aveva lavorato alle dipendenze di Iren. Una volta in pensione si era dedicato al volontariato con Auser e trasportava i pasti per gli ospiti del Centro diurno.

Ogni giorno, sempre sorridente e cordiale, lo si vedeva raggiungere il Centro diurno, con le sue immancabili battute, magari in dialetto. Simpatico, brillante, fragoroso: dove arrivava Stefano, arrivava sempre anche una ventata di buonumore. Grande appassionato di calcio sin da ragazzo, aveva militato in diverse compagini sportive, giocando nel ruolo di portiere. Ma amava tantissimo anche le moto, il mare, la musica, la Mini. E soprattutto la compagnia. Era anche un grande tifoso dell'Inter, di cui conosceva giocatori, campionati, partite. Un amico sui social così lo ha salutato: «Il dolore pur se grande non può e non deve cancellare i ricordi e i momenti belli che ci hanno legato a una persona. Caro Stefano abbiamo cominciato con le giocate a guardie ladri nei giardini delle scuole elementari per arrivare alle gite in bicicletta, le uscite a pesca in Stirone e le tante partite di calcio nel campetto di San Michele, al Craviari e nei paesi vicini. Una infanzia e un'adolescenza serene. Grazie Stefano».

Stefano Merli ha lasciato il figlio Valentino, la compagna Daniela. La data del funerale non è ancora stata stabilita, mentre il rosario sarà recitato domani, alle 19, nella chiesa di San Michele.

s.l.