Sei in Gweb+

Arresto

Viale Piacenza, pedone aggredisce i vigili

22 gennaio 2021, 05:07

Viale Piacenza, pedone aggredisce i vigili

Se c'è qualcosa che proprio non sopporta, sono le divise. L'allergia del 26enne di origini pugliesi emerge da un curriculum giudiziario che testimonia incontri ravvicinati con rappresentanti delle forze dell'ordine conclusi con denunce per minacce e resistenza a pubblico ufficiale. L'altra sera, per lui la misura era colma fin da subito, quando si è trovato a tu per tu con una pattuglia della Municipale. Il suo atteggiamento tutt'altro che conciliante ha fatto sì che ne fosse chiamata un'altra. Alla quale si è poi aggiunto un equipaggio del Radiomobile dei carabinieri e infine uno dell'Esercito impegnato in Strade sicure. L'uomo è finito in manette. Ma solo di fronte alla convivente ha smesso di dimenarsi e inveire, anche se per lui si è aperta la cella di sicurezza della questura, in borgo della Posta (e così ha avuto modo di collezionare la vista di un'altra divisa).

Tutto è nato sulle strisce pedonali di viale Piacenza, poco dopo le 19 dell'altra sera. I vigili a bordo di un'auto di servizio si sono fermati per far attraversare il giovane intento a camminare concentrato sul proprio smartphone. Che cosa lo ipnotizzasse dal display non è dato sapere. Fatto sta che, oltre a catturare la sua attenzione, gli avrebbe anche frenato il passo. Proprio mentre era ancora sulle zebre. Secondo l'accusa, alla richiesta dell'agente della Municipale alla guida di proseguire e attraversare, il giovane avrebbe risposto subito con aggressività, restando in mezzo alla strada. Costretti a scendere, i vigili sono stati presi a male parole. Il giovane poi ha mostrato l'intenzione di andare oltre. Ha sollevato il pugno di fronte a uno degli agenti e si è infilato gli occhiali nel taschino. Poi le mani le ha alzate davvero e poco dopo erano avvinghiati a terra (riportando entrambi escoriazioni): poi il finale in cella di sicurezza. Il 26enne ieri è comparso di fronte al pm Marirosa Parlangeli e al giudice Annalisa Dini per la direttissima. L'arresto è stato convalidato, e il giovane dovrà stare ai domiciliari fino al 28 gennaio, quando verrà conferito l'incarico per la perizia psichiatrica a suo carico.

rob.lon.

 

 

Se c'è qualcosa che proprio non sopporta, sono le divise. L'allergia del 26enne di origini pugliesi emerge da un curriculum giudiziario che testimonia incontri ravvicinati con rappresentanti delle forze dell'ordine conclusi con denunce per minacce e...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal