Sei in Gweb+

FESTA

Zibello, i 90 anni dell'ex maresciallo

23 gennaio 2021, 05:02

Zibello, i 90 anni dell'ex maresciallo

PAOLO PANNI

POLESINE ZIBELLO Novant'anni e non sentirli e, soprattutto, non dimostrarli. Il traguardo raggiunto dal maresciallo Salvatore Gelsomino, carabiniere nel Dna, è stata l'occasione di una festa speciale, inattesa, a sorpresa. Quella che, nel rispetto delle normative, gli hanno voluto riservare i suoi «ragazzi», amici e colleghi. Perché, secondo il celebre motto «Nei secoli fedele», non c'è età e non c'è pensione: carabiniere lo sei e lo resti per sempre.

Nella Bassa, e non solo, proprio per i suoi trascorsi nell'Arma, il maresciallo Gelsomino è considerato una istituzione, un esempio e un amico di tanti. Nato sotto il sole della Sicilia e «trapiantato» tra le nebbie del Po, vive da decenni a Polesine Parmense e, proprio sulle rive del fiume, pochi giorni fa è arrivata la speciale sorpresa: all'improvviso, nel cortile di casa sua, due gazzelle dei carabinieri hanno azionato sirene e lampeggianti blu.

Un modo per festeggiarlo e celebrare con lui i suoi primi 90 anni. Uomo tutto d'un pezzo, stavolta le lacrime non le ha trattenute ed era giusto così. Di fronte si è trovato le amate uniformi, il capitano Vito Franchini, comandante della compagnia Carabinieri di Fidenza; il tenente Matteo Scanu, comandante del Nucleo Operativo della compagnia di Fidenza (suo successore, molti anni dopo, alla guida, della stazione carabinieri di Zibello), il maresciallo capo Gionata Farina e i carabinieri della stazione di Polesine Zibello. Tutti si sono voluti stringere a lui, e ai suoi familiari, per l'importante occasione. Un augurio caloroso al quale si è aggiunto quello del sindaco Massimo Spigaroli e di tutta la comunità rivierasca.

Per Gelsomino, ipertecnologico dall'alto dei suoi 90 anni (usa regolarmente i principali social network), è stata anche l'occasione per ripercorrere i suoi ben quarant'anni nell'Arma. Arruolato nel 1951 si è congedato nel 1991. Dopo l'incorporamento alla Scuola allievi Carabinieri di Caserta e stato destinato alla Legione Carabinieri di Milano, dal 1955 al 1957.

Alla compagnia di Como, ha avuto l'opportunità, e l'onore, di collaborare con l'allora capitano Carlo Alberto dalla Chiesa. Poi, superata la scuola sottufficiali di Moncalieri, l'approdo alla Legione Carabinieri di Parma ed una serie di esperienze tra Corniglio, Parma Principale, San Prospero e nel Modenese fino all'arrivo, nel 1967, a Zibello dove ha guidato, la stazione Carabinieri fino al 1982, prima dei suoi ultimi nove anni di servizio a capo del Nucleo Comando della compagnia di Fidenza.

A Polesine Zibello è sempre stato profondamente legato, al punto da fissarci la sua residenza permanente, con la moglie Maria e le figlie Emanuela ed Arabella.

Decorato, nel 1984, dell'onorificenza di Cavaliere della Repubblica, successivamente della Medaglia d'oro di lungo comando e della Medaglia Mauriziana per i dieci lustri di carriera, è molto conosciuto e stimato, sia nelle terre del Po che a Fidenza e dintorni, per le esperienze che lo hanno visto protagonista, nel tempo, di numerose operazioni di contrasto verso varie forme di criminalità, assicurando alla giustizia numerosi malviventi, ponendosi come figura carismatica che lo ha sempre caratterizzato, distinguendosi nel tempo come prezioso punto di riferimento per tanti colleghi e persone. Un professionista instancabile ed un uomo di straordinaria sensibilità e generosità.

Qualità, queste, che ha continuato a dimostrare, con i fatti, anche dopo aver riposto la divisa (che continua a portare nel cuore), prodigandosi nel campo del volontariato, specie a favore delle persone bisognose, sole e anziane.

Grazie specialmente a questi valori che ha sempre saputo entrare nel cuore di tante persone che, anche attraverso le colonne della Gazzetta (della quale è appassionato lettore) gli hanno voluto far pervenire i loro sinceri auguri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PAOLO PANNI POLESINE ZIBELLO Novant'anni e non sentirli e, soprattutto, non dimostrarli. Il traguardo raggiunto dal maresciallo Salvatore Gelsomino, carabiniere nel Dna, è stata l'occasione di una festa speciale, inattesa, a sorpresa. Quella che,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal