Sei in Gweb+

NOCETO

Gli amici al funerale: «Angelo, dai gas anche da lassù»

26 gennaio 2021, 05:04

Gli amici al funerale: «Angelo, dai gas anche da lassù»

NOCETO Se n’è andato via anche il grigio invernale, ieri, per salutare Angelo. E’ spuntato il sole per accompagnarlo nel suo ultimo viaggio. Perché questo si è a sedici anni: sole, luce, speranza, voglia di vita. Di libertà. E così era anche Angelo Villari, un ragazzo solare, dolce disponibile, che pur nella sua breve vita era riuscito a farsi voler bene e apprezzare da una marea di persone che ieri, al funerale, hanno voluto testimoniarlo con la loro presenza, con i loro affettuosi applausi, la loro commozione.

Un’intera comunità, quella del paese di Noceto, rappresentata anche dal sindaco Fabio Fecci, gemella nel lutto a quella del paese di origine della famiglia Villari, Sant’Eufemia in Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria. Un grande unico abbraccio messo insieme dalle «braccia» di tante altre comunità: da quella dalla grande famiglia di zii e cugini, a quella degli amici a quella dei compagni e degli insegnanti dell’Istituto e degli ex compagni di classe della 3ª C della scuola secondaria di primo grado di Noceto, che nei giorni scorsi hanno scritto una lettera a lui dedicata, a quella dei «fratelli di sangue» nella passione per i motori e le due ruote.

L’arrivo del feretro alla chiesa parrocchiale di San Martino è stato anticipato dal suono prolungato e dolente del clacson di un camion e da decine e decine di moto: un corteo di suoni e colori per sentirsi vicini e partecipi, per rendere un ultimo omaggio a chi lo avrebbe apprezzato più di ogni altra cosa. Tra i motociclisti anche la campionessa Kiara Fontanesi, che non ha voluto mancare l’appuntamento.

Ad attendere la bara bianca anche tanti palloncini bianchi e azzurri e i messaggi da parte degli amici. «E’ impossibile dimenticare chi ti ha dato così tanto da ricordare», «Dai gas anche da lassù», «Un giorno ci incontreremo fratello nostro. Ci manchi» e ancora, le scritte sulle moto «Proteggi tutti da lassù».

Anche il parroco don Daniele Franciosi si è stretto attorno alla famiglia, vasta e fortemente inserita nella comunità, cercando per le parole di conforto, anche nel Vangelo. «A sedici anni - ha detto il parroco nel ricordare Angelo - un solo anno corrisponde a dieci anni dell’età adulta: ogni giorno ha un suo peso, apre un mondo». Il mondo di Angelo si è fermato troppo presto, in una sera di gennaio, cancellando sogni e speranze.

Angelo Villari frequentava il terzo anno dell’indirizzo professionale di manutenzione e assistenza tecnica dell’istituto fornovese Gadda: i motori, i camion e la moto, in particolare, erano tra le sue passioni che coltivava anche nei laboratori della scuola, e fuori da scuola con i tanti amici. Gli stessi che all’uscita dalla chiesa hanno «dato gas» alle moto, per farsi sentire, per gridare con quel ruggito il loro affetto, il loro dolore. Come hanno fatto, silenziosi, i tanti palloncini con i loro messaggi, liberati nel cielo sereno di ieri, per salutare Angelo. Do.C.