Sei in Gweb+

Lutto

Noceto piange Gino Reggiani, ultimo reduce della campagna di Russia

29 gennaio 2021, 05:03

Noceto piange Gino Reggiani, ultimo reduce della campagna di Russia

MARIAGRAZIA MANGHI

NOCETO - Noceto perde l’ultimo testimone della tragica spedizione di Russia. Se n’è andato alla soglia dei 100 anni Gino Reggiani. Si è addormentato, pronto ad affrontare il nuovo lungo viaggio.

Una vita piena d’amore la sua, densa di quella felicità non effimera che scaturisce dal godere di ogni piccolo dono che troviamo sulla nostra strada. Gino poco più che ventenne era sul fronte orientale e poi a Nikolajewka, nel mezzo della battaglia con la sua divisione di fanteria, squadra panettieri. Con orgoglio portava sul petto le medaglie del reduce. Per molti anni non aveva reso pubblica la sua storia: «Erano cose troppo grosse, temevo di sembrare uno che voleva darsi delle arie» ha confidato, ma poi aveva scelto di caricarsi sulle spalle il dovere del racconto e diventare il portabandiera nei raduni e nelle manifestazioni.

«Ogni anno era al sacrario di Cargnacco e dopo la mia rielezione, come gli avevo promesso, l’ho accompagnato a sfilare con lo stendardo - dice il sindaco Fabio Fecci - con lui avevo un rapporto speciale. Non mancava mai a una celebrazione istituzionale e con piacere partecipava alla festa dei nonni. Nell’ultima edizione era scattato in piedi quando abbiamo suonato l’inno nazionale. Lo andavo a trovare a casa di tanto in tanto, lo incontravo in paese o al Circolo anziani. L’ho sfidato a carte e ho perso il 15 ottobre quando ha compiuto 99 anni. Gino sentiva di dover testimoniare il sacrificio di tutti quei giovani che non sono tornati dalla guerra e di continuare a tener vivo il ricordo perché col tempo molti scampati non ci sono più».

Il Covid con le restrizioni alla socialità gli avevano tolto la bella consuetudine di un giretto o una puntata al circolo. «Credo che questa situazione, insieme all’età, lo abbia affaticato e un po’ spento, ma è rimasto lucido fino in fondo, coccolato da noi tutti - dice la figlia Daniela - non ha mai smesso di sentirsi impegnato nel compito della testimonianza e l’anno scorso si era rammaricato che gli avessero “tolto” il 25 aprile».

Non conosceva la paura Gino Reggiani, animato dalla fede e dalla forza di una famiglia numerosa e unita. Eroe di guerra, senza aver mai sparato un colpo, ricco di quella serenità che non viene dal benessere economico, innamorato della vita, del ballo, della moglie Maria che non c’è più e dopo tanti anni era rimasta “la più bella”; sempre elegante, con stile, camicia e cravatta “perché bisogna essere così”. «Eravamo poveri, ma abbiamo riso tanto e ci volevamo bene - diceva col sorriso e con prontezza di spirito - dalla Russia sono tornato a casa pensando a mia madre. Sono stato fortunato, mi sono opposto alla fucilazione dei prigionieri e così ho salvato anche me stesso. Quando ho avuto una bomba a mano e l’opportunità di lanciarla contro un ufficiale tedesco che ci ha minacciati, ho visto affacciarsi due bambini e mi sono fermato».

Queste cose Gino le raccontava ai suoi nipoti e ai ragazzi giovani che incontrava. «La guerra è inutile e non vince mai nessuno», ripeteva, e loro lo stavano ad ascoltare.

I funerali si sono svolti ieri in forma privata ma il sindaco gli ha reso omaggio con la fascia tricolore ed era presente una rappresentanza di granatieri e alpini per onorare il combattente reduce.

 

MARIAGRAZIA MANGHI NOCETO - Noceto perde l’ultimo testimone della tragica spedizione di Russia. Se n’è andato alla soglia dei 100 anni Gino Reggiani. Si è addormentato, pronto ad affrontare il nuovo lungo viaggio. Una vita piena d’amore la sua,...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal