Sei in Gweb+

LUTTO

Busseto, addio a Alessandro Bramanti

30 gennaio 2021, 05:07

Busseto, addio a Alessandro Bramanti

BUSSETO Busseto e la Bassa hanno perso il sorriso solare e la straordinaria bontà di Alessandro Bramanti. Molto conosciuto e stimato in tutta la zona, aveva 45 anni; purtroppo non è riuscito a vincere la battaglia più importante, quella contro la grave malattia che lo aveva colpito.

Battaglia che ha condotto con grande coraggio e con quella forza d’animo che lo ha sempre caratterizzato. Nato il 31 maggio 1975 ha trascorso l’infanzia alle Cinque Terre dove il padre, Arnaldo, era maresciallo dei carabinieri in servizio nella stazione di Riomaggiore.

All’età di 10 anni, quando il padre è stato trasferito a Busseto (dove ha a lungo comandato la stazione carabinieri), è arrivato nelle terre di Verdi dove si è rapidamente ambientato e da dove non si è mai mosso. Per anni dipendente del Conad, ha lavorato come macellaio nelle sedi di Fidenza, Salsomaggiore Terme e, infine, Soragna e Busseto distinguendosi sempre sia per le grandi capacità di instancabile lavoratore che, soprattutto, per quelle grandi doti umane che ha sempre messo in risalto, fatte di bontà, pacatezza, disponibilità, generosità e attenzione verso tutti coloro che potevano aver bisogno del suo aiuto.

Qualità e valori che, per anni, ha concretamente messo in evidenza da milite della Pubblica assistenza Croce bianca di Busseto e, poi, in modo ancora più speciale e sublime nella sua famiglia, dimostrandosi sempre un marito e un padre esemplare.

Molto legato alla moglie Roberta e ai figli Alice e Lorenzo, si è costantemente preso cura, di tutti loro, con amore e con una sensibilità non comune.

Appassionato di sport, per molti anni ha giocato a calcio a livello amatoriale e, in passato, è stato anche uno dei primi assistenti bagnanti della vecchia piscina di Busseto. «Un ragazzo d’oro, onesto, educato – ha detto l’amico Matteo Scanu – premuroso e padre di due ragazzi meravigliosi. Centravanti con doti eccezionali – ha aggiunto ricordandone la passione per il calcio – aveva un fisico esplosivo. Ho fatto un sacco di partite e tornei con lui e suo fratello».

Tanti altri, poi, gli amici che, anche sui social e non solo, stringendosi ai familiari, hanno ricordato, di Bramanti, le speciali doti umane: quelle che continueranno a vivere nel cuore dei tanti che lo hanno conosciuto e apprezzato. Alessandro Bramanti ha lasciato la moglie Roberta, i figli Alice e Lorenzo, i genitori Vincenza e Arnaldo e il fratello Alberto (maresciallo dei carabinieri, in servizio alla stazione di Marciana Marina). I funerali sono fissati per questa mattina, alle 10.30, in chiesa collegiata a Busseto.

 

BUSSETO Busseto e la Bassa hanno perso il sorriso solare e la straordinaria bontà di Alessandro Bramanti. Molto conosciuto e stimato in tutta la zona, aveva 45 anni; purtroppo non è riuscito a vincere la battaglia più importante, quella contro la...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal