Sei in Gweb+

BERCETO

Striscioni e applausi dei volontari Cri per Pieretto, 69enne tornato dall'inferno del Covid

01 febbraio 2021, 05:03

Striscioni e applausi dei volontari Cri per Pieretto, 69enne tornato dall'inferno del Covid

MATTIA MONACCHIA

 

BERCETO Viaggio all’inferno e ritorno: così si potrebbe definire il calvario del bercetese Pietro Albertelli, per tutti Pieretto, tornato a casa dopo tre mesi in cui ha affrontato e sconfitto il Covid-19.

Pieretto, 69 anni, è uno dei militi più anziani della Croce Rossa di Berceto: l’età non gli mai ha impedito però di coprire cinque o sei turni settimanali.

Il volontario bercetese è stato spesso coinvolto anche nei trasporti dei pazienti Covid.

Difficile dire con precisione come abbia contratto il virus, ma nel mese di ottobre Pieretto ha cominciato a star male: prima la febbre, la tosse e le difficoltà respiratorie; poi il ricovero al padiglione Barbieri dell'ospedale di Parma, dove è stato intubato per due mesi.

Due mesi lunghissimi dove oltre alle difficoltà fisiche si aggiungevano le ansie quotidiane, la paura di non farcela, i pensieri per i propri cari.

Pieretto, che tante volte da milite aveva soccorso gli altri, si è trovato improvvisamente dall’altra parte della barricata, a essere lui ad avere bisogno di aiuto.

Ma la sua forza, il suo coraggio, la sua voglia di tornare a Berceto e di essere ancora utile alla propria comunità, lo hanno fatto vincere la partita più difficile.

Le sue condizioni di salute hanno cominciato pian piano a migliorare ed è stato in grado di iniziare la riabilitazione al «Don Gnocchi» finché sabato è tornato a casa.

E ad accoglierlo, davanti alla sua abitazione di via Luvaia, non c’erano solo i familiari ma anche i suoi colleghi della Croce Rossa, che gli hanno riservato uno striscione e un lungo applauso.

«La Croce Rossa è una grande famiglia e per questo siamo voluti venire ad accogliere Pieretto - hanno spiegato alcuni militi- Lui fa parte della nostra famiglia e noi per lui siamo una famiglia».

Da Pieretto è giunto anche un monito per coloro che credono che il Covid-19 sia una banale influenza o addirittura che non esista: «Provino loro quello che ho provato io sulla mia pelle. Io so cosa vuol dire».

Appena sceso dal mezzo che lo ha riportato a casa, a chi gli ha chiesto come stava, ha risposto laconicamente: «È stata dura».

Dopo il saluto ai colleghi della Croce Rossa e l’abbraccio con i familiari, Pieretto è entrato in casa ma prima si è voltato salutando tutti con la mano: in quel gesto e nel suo sguardo tutta la voglia, dopo lo scampato pericolo, di rimettersi al più presto e di tornare a essere parte attiva di quella grande famiglia che lo ha accolto come un eroe: la Croce Rossa di Berceto.

 

MATTIA MONACCHIA BERCETO Viaggio all’inferno e ritorno: così si potrebbe definire il calvario del bercetese Pietro Albertelli, per tutti Pieretto, tornato a casa dopo tre mesi in cui ha affrontato e sconfitto il Covid-19. Pieretto, 69 anni, è...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal