Sei in Gweb+

SISSA

Operazione kolossal per la demolizione del «fungo»

di Michele Deroma -

02 febbraio 2021, 05:03

Operazione kolossal per la demolizione del «fungo»

SISSA TRECASALI Inizieranno a marzo, a Sissa, i lavori di demolizione del serbatoio pensile di viale Battei, e del fabbricato – un tempo adibito a magazzino – alla base dello stesso serbatoio, una sorta di fungo ben riconoscibile nello «skyline» della cittadina della Bassa.

Emiliambiente, ente gestore del servizio idrico integrato nel comune di Sissa Trecasali, ha aggiudicato nello scorso novembre l’appalto per i lavori, che costeranno 300mila euro - a carico della stessa Emiliambiente - e verranno eseguiti con una tecnica particolarmente impegnativa: il taglio della struttura in diversi blocchi, calati a terra e successivamente frantumati.

La condizione del luogo, gli spazi a disposizione e la presenza di abitazioni nelle immediate vicinanze hanno infatti reso impraticabili le due operazioni altrimenti utilizzate in casi simili, ossia la demolizione mediante esplosivo o l’azione in quota della pinza frantumatrice. I lavori – eseguiti dalla ditta Demiced, per una durata prevista di circa tre mesi – cominceranno così con la demolizione della cabina adibita a magazzino, per la creazione dello spazio necessario ad avvicinare le macchine operatrici, e con l’installazione del ponteggio finalizzato alla protezione degli edifici più vicini alla torre, che sarà completamente ingabbiata al fine di contenere ogni caduta accidentale di detriti.

Potrà così agire una pinza idraulica telecomandata e montata su una gru, che nella prima fase frantumerà la calotta superiore del serbatoio, provocando la caduta delle macerie all’interno della vasca: la struttura sarà successivamente sezionata, con ciascun blocco che verrà agganciato dalla gru, calato a terra e sbriciolato con la pinza frantumatrice, prima del conferimento in discarica. Soddisfatto per l’ormai imminente esecuzione dell’atteso intervento, Nicola Bernardi, sindaco di Sissa Trecasali: «Con l’operazione mettiamo in sicurezza un’area centrale del paese, dando una risposta concreta alle richieste di molti cittadini che hanno la propria abitazione proprio sotto al pensile».

«Abbiamo sempre lavorato per migliorare la situazione e ora possiamo annunciare l’avvio di un intervento molto importante, oltre che per la sicurezza, anche per la valorizzazione paesaggistica del borgo intorno alla rocca dei Terzi, su cui abbiamo investito consistenti risorse in questi anni».