Sei in Gweb+

Una casa per i poveri

Don Cocconi: «Aiutateci e vi restituiamo i soldi con gli interessi»

03 febbraio 2021, 05:02

Don Cocconi: «Aiutateci e vi restituiamo i soldi con gli interessi»

LUCA MOLINARI

Non indossa il saio e non porta la bisaccia don Umberto Cocconi, ma il suo spirito da «frate cercone» lo sta portando a bussare idealmente alla porta di tutti i parmigiani, per dare forma alla nuova sede dell’associazione San Cristoforo.

La sfida è improba, ma non impossibile: trovare trecento benefattori disposti a donare o prestare mille euro ciascuno, per raggiungere la somma di 300mila euro, necessaria per sostenere il mutuo e i lavori di ristrutturazione de «La casa che tutti accoglie», in via Venezia. «Ognuno è libero di dare quello che può e diventare concretamente parte dell’associazione - spiega don Cocconi -. A coloro che contribuiscono viene riconosciuto il tasso di interesse dell’1%. Al donatore infatti, qualora lo richiedesse, viene restituito il contributo versato nei modi e nei tempi concordati con la mediazione di Banca Intesa Sanpaolo. Sappiamo che con questa proposta osiamo molto, soprattutto in una fase di crisi economica, ma la mission della nostra associazione è proprio quella di aiutare concretamente giovani e adulti che vivono situazioni di difficoltà, offrendo a loro la possibilità di un nuovo inizio, sostenendoli e incoraggiandoli».

Il conto dedicato messo a disposizione da Banca Intesa Sanpaolo è: Progetto Terzo Valore IT78F030690960610000017
0017. Lo spazio individuato è una casa da ristrutturare in via Venezia che, nelle intenzioni di don Cocconi, dovrà diventare il cuore pulsante della San Cristoforo.

«Vista l’ubicazione e gli ampi spazi a disposizione, sia interni che esterni - precisa il sacerdote - la nuova casa consente di sviluppare importanti progetti di inclusione sociale. La mission della nostra associazione è proprio quella di aiutare concretamente giovani e adulti che vivono situazioni di difficoltà offrendo a loro la possibilità di un riscatto. Tutto questo è possibile solo se in tanti saremo al loro fianco, accogliendoli e incoraggiandoli».

All’interno de «La casa che tutti accoglie» verrà offerta accoglienza abitativa temporanea a circa cinquanta persone l’anno, sarà predisposto un importante servizio mensa per almeno una ventina di persone (per un totale di 15mila pasti annui), troverà sede il servizio sgomberi e piccoli traslochi e il Social Market.

E’ inoltre prevista l’istituzione di un polo culturale e sociale a servizio del quartiere San Leonardo, oltre alla realizzazione di laboratori per l’integrazione sociale: una officina per la riparazione delle biciclette, un’area per il restauro di mobili e un terzo spazio per la sartoria.

 

LUCA MOLINARI Non indossa il saio e non porta la bisaccia don Umberto Cocconi, ma il suo spirito da «frate cercone» lo sta portando a bussare idealmente alla porta di tutti i parmigiani, per dare forma alla nuova sede dell’associazione San...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal