Sei in Gweb+

Tragedia

Schianto tra tir, muore l'angelo degli animali

08 febbraio 2021, 05:07

Schianto tra tir, muore l'angelo degli animali

ROBERTO LONGONI

Viaggi come questo ne avrà fatti a centinaia. Da anni, ogni settimana: da nord a sud, a volte portando cibo per gli animali donato da associazioni e privati, e da sud a nord, in compagnia di cani e di gatti destinati a una famiglia. E forse loro l'avranno anche sentito, nelle gabbiette nel retro del furgone, che di Betty potevano fidarsi. Lei gli parlava, li accarezzava con le mani e la voce . E agli animali basta un attimo per capire: il bene, lo fiutano. Destino ha voluto che Elisabetta Barbieri, 63 anni, perdesse la vita prima dell'alba di ieri proprio in uno di questi viaggi, mentre portava dalla Puglia a Rho una 50ina di cuccioli di cani e 9 gatti. Il suo furgone è stato coinvolto nel tamponamento tra due autotreni. L'incidente è avvenuto poco dopo le 5,30, tra Pesaro e Cattolica. Con lei è morto Federico Tonin (Chicco), 47 anni, un volontario al primo viaggio, monzese, una compagna e una figlia piccola. Ricoverato con una prognosi di 30 giorni all'ospedale di Cesena l'autista abituale. Anche un cucciolo di pastore tedesco ha perso la vita; altri sono rimasti feriti. Un camionista spagnolo ha caricato i cuccioli e li ha portati (gratuitamente) verso Milano.

Madre di due figli, Betty era di Rho, ma in realtà era anche parmigiana, piacentina, reggiana, modenese... Abitava in ogni città nella quale lasciava gli animali come parti di sé. E qui da noi l'ha fatto molte volte. Chiara Boni, responsabile delle adozioni cani per l'Enpa di Parma la ricorda un mattino d'estate, al casello di Fidenza. «Ogni sosta per lei era una gran perdita di tempo, ma aveva acconsentito a fermarsi anche qui, quando aveva saputo che non potevo essere a Parma. Ci metteva il cuore, si vedeva. E alla fine ci ha lasciato anche la vita. Che ingiustizia: ancora di più per una persona che ha fatto tanto bene».

Per gli addetti ai lavori, Betty era una «staffettista». Una missione, per lei. «Tutti la conoscevano e tutti apprezzavano la sua precisione nelle modalità di viaggio, la prudenza e la conoscenza degli animali - sottolinea Lella Gialdi, presidente dell'Enpa -. Non si prestava per chi non offriva garanzie serie di far stare davvero meglio i cani e i gatti da portare. Era una staffettista dell'Enpa e faceva le cose come si doveva. Per tutti noi che amiamo gli animali è un giorno triste per la sua perdita e per quella di Chicco. Non lo conoscevamo, ma sentiamo vicino anche lui».

Se Kira ora ha trovato una famiglia e Achille Mezzadri e la moglie Anna Carrera hanno un'amica a quattro zampe, il merito è di Betty Barbieri. «L'abbiamo conosciuta lo scorso luglio - racconta il giornalista parmigiano strajè a Milano autore di pramzanblog -. A lei è legato un ricordo di grande emotività. Era affettuosa con gli animali, anche se il tempo era poco. L'autista tirava fuori dalle gabbiette i cani e i gatti da adottare e lei compilava i moduli». Senza mai far mancare un sorriso, un'ultima carezza, un augurio.

Sedici ore di viaggio ogni volta. Quasi sempre dalla Puglia. Quella volta con Kira, il furgone con la scritta «I figli di nessuno» era partito da Bisceglie poco dopo le 22. L'ora doveva essere sempre quella. «Specie d'estate è il modo per far viaggiare meglio gli animali - spiega Moira Balbi, delegata di Oipa Parma -. Quanti cagnolini abbiamo fatto adottare grazie a lei. Ricordo anche il suo impegno per gli animali vittime del terremoto di Amatrice. A volte siamo riusciti a farle fare il viaggio d'andata con cibo per gli animali». L'ultimo incontro? «Quest'inverno. Erano le 7,30: l'aspettammo con un caffè caldo al casello di Parma. Ci ringraziò, diede l'ultima carezza ai cuccioli che doveva lasciarci. E ripartì. Non vedeva l'ora di far uscire i cani e i gatti dalle gabbiette, per affidarli alle nuove famiglie».

 

ROBERTO LONGONI Viaggi come questo ne avrà fatti a centinaia. Da anni, ogni settimana: da nord a sud, a volte portando cibo per gli animali donato da associazioni e privati, e da sud a nord, in compagnia di cani e di gatti destinati a una...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal