Sei in Gweb+

VIABILITÀ

Bedonia, esplosivi per fermare la frana

09 febbraio 2021, 05:01

Bedonia, esplosivi per fermare la frana

GIORGIO CAMISA

 

BEDONIA E’ bastato un paio di chili di tritolo e alcuni candelotti di dinamite posizionati dal grande esperto di esplosivi Danilo Coppe e dalla sua équipe nelle fessure rocciose del costone che aveva resistito alle esplosioni della settimana scorsa per mettere in sicurezza la strada Anzola- Romezzano-Spora-Travaglini e Costa D’Azzetta.

L'importante frana che a fine dicembre aveva scaricato sassi, piante e detriti sulla carreggiata isolando per molte ore 50 persone, molti capi di bestiame e alcuni laboratori di piccoli artigiani, ieri, poco dopo le 10 lo scoppio.

Una nuvola di fumo grigio e una slavina di sassi e piante si è staccata dalla montagna ed è caduta sulla strada comunale che costeggia il torrente Ceno.

Una pulizia veloce degli operai del comune e la via è stata riaperta. «Quella di oggi è stata un’operazione di pulizia e di frantumazione definitiva della parete rocciosa pericolante e anche per demolire l’ultimo strato di roccia, staccare totalmente dalla parete più solida tutto il materiale pericoloso». Sul posto il consigliere comunale di Bedonia delegato alla Valceno Francesco Federici, due mezzi di un’impresa privata e i Carabinieri della stazione di Bedonia. La comunale Casaleto - Illica, sempre i Alta Valceno, rimane chiusa in ambo i sensi di marcia.

La frana con un fronte di 50 metri si era staccata dal Colle che sovrasta la via che collega Ponteceno con alcune delle frazioni della Valceno ed aveva invaso la via poco prima dell’abitato di Casaleto isolando parzialmente una trentina di residenti.

Dopo un sopraluogo del sindaco e dei tecnici del comune di Bedonia i quali hanno provveduto a posizionare l’apposita segnaletica è stato sospeso ogni altro intervento.

Stamattina ci sarà un sopralluogo con alcuni geologi della Protezione Civile Regionale: «Per il momento non interveniamo in attesa di avere certezze su come procedere, ha spiegato il primo cittadino di Bedonia Serpagli. Ci teniamo costantemente in contatto con l’Agenzia Territoriale, la Protezione Civile e personalmente con l’Assessore Priolo per come procedere. I costi per risolvere il problema saranno ingenti».

 

GIORGIO CAMISA BEDONIA E’ bastato un paio di chili di tritolo e alcuni candelotti di dinamite posizionati dal grande esperto di esplosivi Danilo Coppe e dalla sua équipe nelle fessure rocciose del costone che aveva resistito alle esplosioni della...

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal