Sei in Gweb+

Basilicanova

Si presentano come carabinieri, e poi gli rubano in casa

di Nicoletta Fogolla -

09 febbraio 2021, 05:05

Si presentano come carabinieri, e poi gli rubano in casa

MONTECHIARUGOLO Si sono presentati come carabinieri ma, in realtà, erano dei ladri. Così sono riusciti a mandare a segno un colpo, il cui bottino è rappresentato da alcuni anelli e braccialetti d’oro. Il fatto è accaduto nei giorni scorsi, ai danni di un uomo, che vive con la madre in una casa un po’ isolata di Basilicanova.

Erano circa le dieci quando tre uomini, col volto in parte coperto dalla mascherina anti-Covid e a bordo di un’autovettura Golf bianca munita di lampeggiante blu, hanno bussato alla porta dell’abitazione in questione. Si sono spacciati per carabinieri, seppure in abiti «borghesi».

In seguito hanno detto che stavano svolgendo un’attività d’indagine per i furti nelle abitazioni e che il motivo della loro visita era rappresentato dal fatto di dover controllare l’abitazione. I delinquenti sono risultati talmente credibili, da convincere l’uomo a farli entrare in casa.

Dopodiché, mentre uno dei tre lo distraeva, gli altri due si sono aggirati per le stanze, alla ricerca di soldi o di oggetti di valore da rubare. Una volta raggiunto il loro scopo, se ne sono andati in tutta fretta, lasciando l’uomo sconcertato.

In questo periodo, il territorio comunale di Montechiarugolo sembra preso di mira dai ladri, che agiscono soprattutto tra le 17 e le 19.

In particolare, nei giorni scorsi sono riusciti a introdursi in una villetta di Monticelli, approfittando del fatto che i proprietari si trovavano fuori Parma e avevano dimenticato di attivare il sistema d’allarme. Secondo le informazioni raccolte il bottino consiste in diversi oggetti d’oro e in un orologio. Inoltre, sempre nel paese termale, si sono verificati altri tentativi di furto.

Peraltro, occorre ricordare che i cittadini possono collegare il loro sistema d’allarme con la Stazione Carabinieri di Monticelli Terme. Il servizio è gratuito.

«In questi giorni – ha scritto Daniele Friggeri, sindaco di Montechiarugolo, sulla pagina Facebook - alcuni furti compiuti nella abitazioni hanno scosso nuovamente le nostre comunità. In un caso questi criminali si sono persino finti carabinieri in borghese, truffando un nostro concittadino. Ciò mi impone di ricordare a tutti, di non aprire mai a nessuno che non sia ufficialmente riconoscibile e, in caso di dubbio, telefonare immediatamente e senza alcuna esitazione, alle Forze dell’Ordine». Il primo cittadino ha poi ricordato l’importanza del ruolo del vicinato. «Un allarme che suona - ha affermato - strani rumori di giorno negli abituali orari di lavoro dei vicini sono indizi che vanno immediatamente segnalati. Sappiamo bene quanto certi crimini siano tra i più sgradevoli per tutti noi, perché toccano le nostre certezze, la sicurezza della nostra casa e della nostra famiglia».

Friggeri ha aggiunto: «Come sapete il nostro impegno nell’implementazione della rete di videosorveglianza procede, ci saranno nuove telecamere oltre alle prossime assunzioni di nuovi agenti del Corpo di Polizia. Ma per quante telecamere potremo mai installare, non riusciremo a sconfiggere questi crimini senza l’aiuto di tutti».